LIBER ABBACI, ABECEDARI E RICETTE: La parola è magia qui lasciamo che sia. Approfondimenti della puntata in onda sulle frequenze di Radio CRT |di Flaviana Pier Elena Fusi con Edoardo Flaccomio

0
309
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

 

LIBER ABBACI| di Flaviana Pier Elena Fusi

PRELUDIO

Una parola ed è già magia, se dici Amore seduci chicchessia. Sai che è sentimento e ti arriva il suo profumo come alito di vento. Un colore ti sovviene ed è rosso come il sangue che al cuore appartiene. Una forma particolare, di un abbraccio che sa scaldare. Un’energia ancestrale che crea dal tempo primordiale. Un effluvio di passione, che travolge in qualsiasi condizione. La vittoria della vita, da sempre è garantita, con l’Amore puoi sognare e un mare attraversare.

Una parola è magia, di realtà che diventa poesia: travalica i confini e rende amici al di là degli Appennini. Siamo tutti con l’Amore bambini, entusiasti burattini, se a quel suono ci lasciamo andare, con questa parola possiamo realizzare. La nostra essenzialità accende la viabilità: un obiettivo in fronte e vai sicuro verso quell’orizzonte. Metti in bocca le giuste parole, quelle collegate dall’anima al cuore.

Sempre lo voglio ricordare, al momento è l’unica cosa da fare, insieme un nuovo mondo all’Amore possiamo accreditare.

 

**********

ABECEDARI| di Edoardo Flaccomio

 

L’origine della parola

C’è stato un tempo in cui gli ominidi dovevano essere molto simili ai loro fratelli antropomorfi: scimpanzé,  gorilla, orango tango ecc.

Al trascorrere del tempo, la forma cranica è cominciata  a cambiare poco alla volta, la mandibola si è ridotta per ampliare la testa che in questo modo ha permesso la nascita dell’area del linguaggio. (Il sito di fonazione risiede unicamente nell’emisfero sinistro ed è una particolarità propria dell’essere umano). I denti hanno cominciato a rimpicciolirsi e lo spazio si è ristretto al punto che oggi, i denti del giudizio tendono a non  spuntare per mancanza di spazio: sicuramente destinati a scomparire nei secoli a venire. Contemporaneamente il pollice si  specializzato,  la postura è cambiata divenendo più ritta, gli arti superiori si sono accorciati in seguito all’abbandono degli alberi. La deambulazione ha comportato l’allungamento delle gambe.

Verrebbe da chiedersi se l’evoluzione biologica sia terminata.

La testa umana sta continuando a cambiare e noi non saremo presenti, fra migliaia di anni, quando la corteccia cerebrale sarà ancora più grande e perfetta di adesso. Lo deduco dal fatto che il pensiero, grazie alla razionalità apportata dalla scienza, si sta affinando, sta divenendo sempre più elaborato. Anche dall’altro lato del sapere sta emergendo una specializzazione del pensiero e del linguaggio.

Alle parole degli albori dell’umanità, sgorgate per descrivere le proprie intenzioni, i bisogni e l’ambiente circostante, sono seguiti gli alfabeti. Le lettere sono state percepite e descritte in base alla sonorità specifica del sito terrestre da cui emergevano. Queste forme dovevano contenere le leggi della creazione. Sanscrito, Giapponese, Cinese, Arabo, Ebraico, per citarne alcune di superlativa bellezza, celebrano questa incredibile specializzazione attraverso la loro forma.

Il Verbo creatore di cui si parla nella Bibbia, altro non è che la rievocazione della potenza verbale che ha dato origine al Cosmo all’interno del quale viviamo da osservatori e spettatori ammaliati. La parola è intesa dagli uomini e riversata nella creazione a titolo di ripetitore divino.

PAROLA IN EBRAICO si scinde in  PAR, che vuol dire ‘magnificenza’  e ola che significa Dio. Mettendo insieme otteniamo: magnificenza di Dio.

Parola in latino deriva da parabola che vuol dire discorso.

Il termine parabola, letto da destra a sinistra, diviene  ALO BARA PE che in ebraico vuol dire, Dio crea bocca.

I conti tornano.

 

**********

  NON SOLO VERDE |di Anna Maria Esposito

responsabile della testata giornalistica di radio CRT e conduttrice del programma “BLATERANDO”

IRIS

L’iris è una pianta ricca di storia e simbolismi, da sempre apprezzata in tutte le civiltà. Gli antichi Greci identificavano l’iris con Iride, la messaggera degli dei, la quale era  il tramite che consentiva agli uomini di ricevere i messaggi divini.  Secondo la  mitologia, Iride, per scendere tra gli uomini scivolava sull’arcobaleno.

Nel linguaggio dei fiori simboleggia la buona notizia, ma il suo significato cambia a seconda della varietà.

È il fiore di artisti, poeti e scrittori.

Ricetta erboristica: Profumo all’iris

Ingredienti:

5/6 corolle di iris

500 ml. di acqua

20 ml. di alcool etilico a 96 gradi

Preparazione

Raccogliete le 5/6 corolle di iris, tagliatele a pezzettini e immergeteli in mezzo litro di acqua bollente. Far bollire per 10 minuti e lasciate in infusione in un recipiente chiuso per circa dieci giorni, al riparo dalla luce solare. Prendere la garza  sterile e farla aderire al bordo di un altro recipiente in modo da creare un filtro che blocchi gli iris sminuzzati da altre impurità. Versare il composto nel recipiente filtrandolo attraverso la garza.

Aggiungere 20 ml di alcool a 96 gradi. Travasare in una bottiglia di vetro scuro, chiudere con un tappo di plastica e riporre in luogo fresco e buio.

Nella prima settimana agitare delicatamente due volte al giorno la bottiglia. Il vostro profumo è pronto.

 

 **********

 DE GUSTIBUS NON DISPUTANDUM EST| di Chefdomenic

Ricetta: pozione magica

 

Ingredienti:

zucca, carote, cipolla rossa, finocchio, sedano rapa, patate, tutte in proporzioni variabili

prezzemolo, basilico, sale q.b., olio a piacere

Preparazione:

tagliare tutte le verdure alla julienne lasciando  da parte prezzemolo e basilico, buttare in acqua fredda salata, coprire e far bollire per circa 40 minuti. Frullare con un frullatore ad immersione fino a ridurla in crema, aggiungere basilico e prezzemolo e cospargere con parmigiano reggiano grattugiato. Questa crema di verdure calde è consigliata come pasto completo per ritemprare corpo e spirito. Ricordo che il parmigiano reggiano è privo di lattosio.

**********

 BOLLETTINO RADIOMETEO| di Flaviana Pier Elena Fusi

Una parola è comunicazione

è messaggio che tratteggia una situazione

Definisce qualcosa

e un sentimento palesa

oltre la mente

vi è un’anima senziente

avvicina agli altri facilmente.

Quello che hai in bocca

nella realtà trabocca

ABRACADABRA è magia

qui vedo il futuro della vita mia

circoli d’amore e sagge persone

Insieme accolgono una trasmissione.

 

Un mondo nuovo gira intorno

Veicola il pensiero per un altro giorno

Al di là del parlare

C’è della realtà che si va a creare.

 

Consiglio radiometeo:  con Blaterando la gioia stiamo celebrando