Da un dialogo con me stessa | Elena Rosa Tafanelli

0
168
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

In un dialogo con me stessa, quasi come tra amiche, nella verità, sincerità, lealtà è apparsa la figura del gentiluomo, cavaliere di tempi mai andati, figura sempre presente. La poesia che comunica è basata sulla realtà dei fatti. La sua autenticità e bellezza è nel ruolo che lui riveste in una unione vera, quella che si realizza tra un Uomo ed una Donna. Quello che si concretizza tra loro è musica. Ho dato anima all’uomo “ideale”, che esiste nella realtà ma saperlo riconoscere, scegliere e rispettare non sempre si sa.
A volte si è distratti da altro, uomo o donna, ognuno lo sa.
Mi soffermo a riflettere sull’Uomo … gentiluomo …
Provo a riportare il mio pensiero … pensiero che tiene conto dell’aspetto umano, non tralasciando quello dei sensi, della passione … dei ragionamenti.
Un Uomo nasce, si alimenta e vive da gentiluomo. Il suo viaggio nella vita non è facile soprattutto quando si imbatte in un “mondo” che sente a lui estraneo ma che purtuttavia, grazie alla sua educazione, riesce a trarre insegnamenti, e a gettare il seme del bene. Perché un gentiluomo è una persona “per bene”. Riesce, nonostante incontri e scontri, diversi da lui, riesce a comportarsi da cavaliere. Il suo comportamento, fatto di attenzioni volte alla gentilezza, alla tenerezza, per lui spontanee e naturali, non sempre trovano un sorriso accogliente, un abbraccio di pari valore umano. A volte deriso a volte accettato per convenienza. Il fiore che lui porge merita mano altrettanto gentile pronta ad accoglierlo, attenta a riconoscere il suo profumo.
A volte la donna distratta, va! Capita!
Anche l’uomo distratto, va! Può capitare!
Ma lui, quando vuole, guarda oltre e va avanti per la sua strada. Lui sente che la Sua Lei c’è, conosce il suo profumo e segue quello.
Nel gioco della vita gli incontri sono una prova. Un uomo per bene non vede il male in quanto tale, non lo “conosce”, non ci fa caso “all’indifferenza”, finché non si imbatte in un incontro-scontro che lo porterà alla sofferenza e da qui ripartire più forte di prima. Un Uomo così è arte, un’opera paragonabile ad una statua marmorea o metallo prezioso, ma statua non è … gemma non è, anche se brilla di pari luce. Nella sua bellezza quanta forza e verità.
Un gentiluomo, nel suo viaggio, cerca la donna che sente nel cuore.
La mente, il cervello, scruta dall’alto della sua figura, mentre il cuore irradia amore dal centro del suo essere.
Un gentiluomo non porta una etichetta, non porta uno stemma, non una corona lo distingue da altri uomini e da altrettanti gentiluomini.
Questo una Donna vera lo sa bene. Una Donna “per bene” sa riconoscere il “suo” uomo “per bene” e la loro bellezza è nella reciprocità. Sono persone vere, che conoscono bene le loro fragilità, la loro forza. Sanno bene che gli errori sono inevitabili per svariati motivi. Sono persone concrete. Non sono “uguali”! Vogliono crescere e migliorare, magari insieme.
Non esiste un tempo, la vita dà le occasioni, possibilità che bisogna saper riconoscere, i tempi sono sempre quelli “giusti”.
Due persone così si riconoscono e si prendono per mano sapendo quale ruolo ognuno di loro ha nella realizzazione di un sogno, quello di curare il loro amore. Perché questo è tutto ciò che conta.
Nel gioco dei ruoli i due sanno che alla base della loro unione c’è l’immenso, fatto di comprensione, aiuto, cura, sostegno, rispetto “degli stessi ruoli” … tutto nella passione reciproca. Nel gioco dei ruoli vive il rispetto per l’altro, volere il bene dell’altro. Affiancare l’altro nelle scelte , nella realizzazione di un sogno… sostegno nell’errore , nel ricominciare … sempre insieme. Occorre passionalità, coraggio e volontà come possono avere solo persone vere.
Quanto amore nel porgere il passo, uno per l’altro pronti ad aspettare, i tempi dell’altro.
Nel gioco dei ruoli ognuno dei due fonde il proprio cuore con quello dell’altro loro sanno che questa fusione è solo “centrale”, non si annullano, ma lasciano parte del proprio cuore libero di agire per se stesso e per l’altro. Riconoscendosi realizzano “l’infinito”.
Loro sanno che alla base dell’amore vive il loro sentirsi liberi di amarsi.
Nel gioco dei ruoli Uomo e Donna sanno bene cosa vogliono e sanno bene cosa vuol dire avere cura uno dell’altro. Tu io … Noi. Così vanno e realizzano un’opera d’arte.
Dama e Cavaliere non hanno bisogno di tante parole. Si nutrono d’altro! Hanno bisogno solo di vivere secondo il loro cuore e camminare lungo uno stesso sentiero. Il loro orizzonte è il mare aperto.
Costantemente impegnati a vivere il loro quotidiano, non parlano del loro splendido modo di fondersi.
Con i piedi che sentono la nuda terra e gli occhi che toccano l’immensità del cielo.
Il loro è un dialogo tra pari. Nessuno vuole sopraffare l’altro, nessuno emergere di più: ad emergere, loro.
Elena Rosa Tafanelli

Previous articleFlaviana Pier Elena Fusi e Edoardo Flaccomio, editori e autori, pubblicano la IV edizione delle “Novelle brevi di Sicilia” | INTERVISTA
Next articleTante paure, nessuna paura | Elena Rosa Tafanelli
Elena Rosa Tafanelli nasce in provincia di Foggia, a San Severo, in Via Matteotti, 36 il 25 agosto del 1957, seconda di quattro figli del dott. Fulgenzio e della signora Maria Antonacci. Ha due sorelle Rosanna Elena e Daniela Pia Avvocati ed un fratello Francesco imprenditore. La sua è una famiglia tradizionale, fondata su solide radici culturali, e fin da fanciulla è stata incoraggiata a coltivare i suoi talenti naturali. La famiglia ha sempre rappresentato un punto fermo nella sua vita grazie al calore e alla serenità che Elena Rosa ha ricevuto fin dalla sua nascita. Altro punto fermo nella sua vita sono i suoi amici, veri compagni di viaggio in sintonia con il suo modo di sentire. Dopo aver conseguito il diploma di maturità magistrale, ha intrapreso il corso di studi in Scienze Biologiche con indirizzo biomedico, conseguendo brillantemente la laurea presso l'Università degli Studi de L'Aquila. Appena laureata, dopo un anno di tirocinio tecnico scientifico in struttura ospedaliera, superato l'esame di stato e iscritta all'albo dei biologi, ha iniziato a lavorare presso il laboratorio di analisi cliniche fondato negli anni '70 a San Severo dal padre, medico chirurgo, e giorno dopo giorno con la sua guida e studiando e perfezionandosi attraverso corsi specialistici e master, ha conquistato il meritato posto di Direttore sanitario del laboratorio, circondandosi di collaboratori biologi e tecnici i quali, da lei formati, la affiancano nel successo professionale, ormai ultratrentennale. Negli anni ha presentato, a convegni scientifici in ambito del settore andrologico e di infertilità, studi eseguiti nel proprio laboratorio, sulla infertilità e infertilità di coppia. La cifra caratterizzante dell'impegno umano e lavorativo di Elena Rosa è l'onestà, la correttezza ed il rispetto, la tenacia e la forza nelle avversità. Ogni difficoltà sembra darle la carica per diventare una nuova sfida ed una nuova opportunità di successo, e di difficoltà superate con successo è lastricata la sua strada professionale e umana. Elena Rosa ha forte il senso della famiglia ed ama i suoi nipoti come e più che se fossero figli, li incoraggia e supporta con parole ma soprattutto con l'esempio del suo agire. Fondamentale per lei il valore dell'amicizia e dell'ascolto, sicché molte persone hanno imparato a rivolgersi a lei, oltre che come valido punto di riferimento scientifico, anche come confidente sicura e sincera per riceverne consiglio e conforto. Da sempre ha conservato dentro di sé la poesia e l'armonia delle parole, abiti di pensieri segreti che solo da poco ha voluto esternare, per rendere partecipi anche coloro che la leggono della ricchezza e profondità dei suoi sentimenti. Pertanto si occupa di diagnostica di laboratorio biochimico e nutrizione da 34 anni, precisamente da settembre 1986 si occupa del benessere psicofisico e quindi armonia ed equilibrio di quanti si rivolgono a lei. Quindi, il suo grazie quotidiano va a tutte le persone che chiedono la sua competenza professionale e umana. Si perché prima di ogni cosa è l'aspetto umano che muove il suo interesse. Nel 1977 ha lasciato la sua amata Puglia per trasferirsi a l'Aquila, fantastica terra d'Abruzzo, per studiare Scienze Biologiche ad indirizzo Biomedico. Voleva diventare Biologo e Nutrizionista; nel tempo, con impegno e studio continuativo, lo è diventata. Nell'ambito degli studi e nella ricerca scientifica, si è avvicinata anche al mondo della infertilità ed infertilità di coppia. Il lavoro è una parte importante della sua vita, ma non è l’unica. La famiglia e gli amici, per lei una seconda famiglia, considerati gli affetti più puri e veri, sono i suoi punti di riferimento e nutrimento della sua anima. Nel tempo libero si dedica ad attività motorie, giardinaggio, lettura prevalentemente narrativa, musica, ama visitare mostre, viaggiare il più possibile principalmente nella nostra bella Italia. È appassionata di ricamo e secondo l'ispirazione si diletta con la pittura. Ogni forma d'arte attira la sua attenzione e stimola la sua parte creativa. Altra sua passione è la cucina, ogni piatto, ogni pietanza racchiude nutrimento e passione creativa. Considera ogni forma d'arte come nutrimento dell'anima e accoglienza. Ama tantissimo anche la danza, l'opera lirica. Negli ultimi dieci anni si è avvicinata sempre più ai temi riguardanti psicologia, psicoterapia e naturopatia, temi di studio già ai tempi dell'università. Giusto approfondimento negli studi riguardanti il mondo della biologia. Appassionata da sempre di scrittura, sin da piccola amava fantasticare e scrivere storie e lunghi temi a scuola. Attualmente riporta quotidianamente suoi pensieri sul diario e sulla sua pagina social Facebook. La vita è arte e come ogni forma d'arte richiede attenzione, cura, impegno, passione, rispetto … in una parola … Amore.