Giù la maschera: è Carnevale! | di Maria Rosa Bernasconi

0
611
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

Gli uomini sono peggiori di come sembrano

Non si manifestano mai per quello che sono

Ti squartano l’anima, il corpo ti smembrano

E solo quando sei morto ti chiedono perdono.

 

Tirano il sasso e poi nascondono la mano

Divorano le persone fingendo di piangere con loro

Recitano la commedia come il più becero ciarlatano

Gridano “al ladro” dopo che hanno rubato il tesoro.

 

Mirano solo al proprio vantaggio

Gli impostori a metà sono quelli peggiori

Prete e puttana il glorioso miraggio

Tromboni e trombette ipnotizzatori.

 

Nani che si travestono da giganti

Con cerbottane che sparano ad effetto

Che predicano bene ma che non razzolano da santi

Che rimproverano agli altri il loro medesimo difetto.

 

Bugie mascherate da verità sempre non durano

Tanto più si giura, tanto più si mente

La finzione è un male che i medici non curano

Ché travestita da virtù non si scopre facilmente.

 

Giù la maschera: è Carnevale!

Viviamo almeno un giorno quello che siamo

Tanto si sa che ogni scherzo vale

Può darsi pure che ci riconosciamo.

Maria Rosa Bernasconi

Previous articleA proposito del dialogo tra Daniela Cavallini ed Andrea Giostra… | di Mari Onorato
Next articleÈ   stato solo amore | di Flaviana Pier Elena fusi
Maria Rosa Bernasconi
Mi chiamo Maria Rosa Bernasconi e vivo a Milano. Sono una "poetessa atipica" dotata di grande cuore e spirito di osservazione che mi inducono istintivamente a trasporre la realtà in rima, talora in modo pungente ma sempre con "sprazzi del cuore". "Attualità in Rima" non è una Rubrica di poesie tout court, ma un tramutare in rima i fatti. Uno scardinare le chiavi del giudizio in maniera nuova e accattivante. Non ho remore ad attaccare la nostra "Bella Italia" pur con l'amore che ripongo nei suoi confronti, quell'amore che mi fa arrabbiare ma che nello stesso tempo mi spinge a difenderla dagli attacchi stranieri. Sono molto legata al tema delle donne, alle vittime del femminicidio. Le mie poesie sono spesso spunto di discussioni in ambito scolastico. Ho scritto su Papi, Presidenti di destra e di sinistra. Ho dedicato versi a molti cantautori: Tenco, De André, Battisti, Jannacci, ad attori e attrici e ai molti personaggi del mondo dello spettacolo. Ho messo in rima l'intero Zodiaco. Le rare volte in cui non scrivo in rima, m'invento interviste immaginarie anche con gli oggetti. Non metto freni alla mia fantasia alla maniera di Esopo e Rodari e sogno il mio libro per ragazzi pieno di storie fantastiche e filastrocche, già in cantiere. Con altri autori, ho scritto poesie su e-book "APPUNTI DI-VERSI, D'IMMAGINI E D'IMMAGINAZIONE".