“Baby Boomer e Millennial: Due generazioni a confronto” ǀ Intervista a Tommaso Sibilia ǀ di Maria Teresa De Donato

0
598
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Ebbene sì, lo confesso: sono una ‘cartacea’. Sono nata agli inizi degli anni Sessanta, in un mondo molto diverso da quello in cui mi ritrovo a vivere oggi. Ero circondata da alberi di alto fusto tra cui stupende mimose e a Roma vivevo non lontana da un immenso prato verde che, dalle scuole elementari e medie dell’epoca, portava prima ad una fattoria e poi al quartiere Don Bosco, famoso per la cattedrale omonima caratterizzata dalla sua grande ed inconfondibile cupola bianca.

Negli ultimi 30-35 anni sono sorti tanti di quei palazzi nell’area che la cupola non si vede più e la stessa fattoria è stata completamente ‘inghiottita’ dalle abitazioni circostanti per cui, a meno che non si sappia della sua esistenza, è di fatto impossibile trovarla.

Tuttavia, non è cambiato solo il paesaggio, ma anche lo stile di vita, dai ritmi sempre più frenetici e caratterizzati da una tecnologia con cui non solo è difficile stare al passo, ma che molto spesso ci ha alienati facendoci allontanare l’uno dall’altro, isolandoci ed incrementando la diffidenza tra noi.

A tutto ciò va ad aggiungersi un decadimento totale, che abbraccia tutte le sfere del nostro vivere quotidiano, immergendo noi tutti in una grande povertà, se non necessariamente materiale o finanziaria, anche se a volte può essere presente anche quella, quantomeno culturale, spirituale e morale.

Così, dunque, mentre noi Baby Boomers meditiamo su come e quanto sia cambiata la società intorno a noi, una nuova generazione, quella dei Millennials, si affaccia al Mondo.

È composta di ragazze e ragazzi nati nel nuovo millennio, spesso diplomati e laureati, a volte plurilaureati e comunque con delle specializzazioni. Molti, si guardano intorno smarriti in un mondo che sembra averli dimenticati e persino abbandonati. Cercano la loro strada; si chiedono cosa fare e come e dove trovare ‘un lavoro’… in una società in cui la scuola e persino l’università non hanno creato né le basi né hanno chiarito eventuali sbocchi professionali possibili né spianato loro la strada al mondo del lavoro.

Malgrado la disinformazione e spesso le idee poco chiare sul da farsi, hanno un immenso potenziale, grandi capacità ed altrettanta energia. Ciò che cercano è solo che venga data loro un’opportunità di mostrare quanto valgano, che venga aperta loro una porta…

Molti di questi ragazzi, italiani, ma anche di altre nazionalità, mi hanno contattata negli anni proprio in virtù della mia attività di Coaching ed anche della mia esperienza quale italiana emigrata negli USA.

Mi hanno fatto domande, hanno cercato di capire cosa fare, come muoversi, quale direzione prendere, qualunque fosse la scelta che poi avrebbero fatto. Ho cercato di aiutarli, di indirizzarli o quantomeno di dare dei suggerimento in base alle loro specifiche caratteristiche personali, esigenze, competenze e capacità individuali.

Mi si è stretto il cuore, però, perché questo senso di smarrimento, questa sensazione di non essere preparati alla vera vita una volta completati gli studi superiori e spesso anche quelli accademici, il doversi confrontare con la carenza di lavoro, l’ho vissuto anche io, così come molti della mia generazione. Ai miei tempi, però, non esistevano né internet, né socials, né piattaforme online cui accedere per avere ogni sorta di informazioni. Eppure malgrado tutto il progresso che si è fatto e tutta l’alta tecnologia cui siamo pervenuti… anche i ragazzi di oggi continuano a sentirsi impreparati ad affrontare la vera vita ed il mondo del lavoro.

Insomma: è cambiato tutto… e al tempo stesso nulla.

Di recente mi sono imbattuta, proprio sui socials, in un altro ragazzo molto giovane ed altrettanto in gamba in cerca anche lui ‘della propria strada’, ‘del proprio posto nel mondo’ e che oggi sono orgogliosa di presentarvi.

Si chiama Tommaso Sibilia.

 

MTDD: Ciao Tommaso e benvenuto sul mio Blog e Salotto Culturale Virtuale. È un piacere averti mio ospite.

TS: Il piacere è tutto mio,  ti ringrazio di avermi dato questo spazio sul tuo blog e spero che la mia storia possa interessare i nostri lettori e a migliorare loro la vita. Io penso che ognuno di noi possa insegnare ad un altro qualcosa di nuovo.

 

MTDD: Tommaso, perché non inizi con il presentarti ai nostri lettori spiegando chi sei, cosa fai nella vita, studi ultimati, in corso o futuri, lavoro o comunque attività in cui ti cimenti e quant’altro vorrai condividere con il nostro pubblico?

TS: Sì, io sono nato a Milano, ma all’età di quattro anni mi sono trasferito in Trentino-Alto Adige dove è nata la mia passione per la montagna e soprattutto per la neve. Poi mi sono di nuovo trasferito, questa volta a Vicenza. Quindi avendo cambiato città (o paese) è stato molto difficile ambientarmi e fare nuove conoscenze, forse anche perché sono molto timido. Questo “stare da solo” (anche se c’è sempre stata la mia famiglia che mi ha supportato e spronato in tutto) mi ha avvicinato al mondo dei libri. Questo passione è nata anche grazie a mia mamma che è l’insegnante di lettere al liceo. Io attualmente studio ad un liceo scientifico delle scienze applicate che predilige le materie scientifiche laboratoriali. Vorrei laurearmi in ingegneria aerospaziale a Milano e poi andare a lavorare alla NASA o alla SpaceX.

 

MTDD: Stupendo! Hai aperto un blog – Time Break o L’angolo dei lettori che tra l’altro ha ospitato una nostra recente intervista – ed un tuo canale Youtube.

Perché è stato importante farlo e quali obiettivi ti prefiggi di raggiungere con essi?

TS: Sì, da poco ho aperto un blog di libri dove intervisto scrittori e scrittrice, recensisco i libri che mi sono piaciuti di più ed espongo le mie riflessioni personali. Sicuramente questo percorso che ho intrapreso mi è servito proprio per iniziare ad imparare e a conoscere nuove storie. Io ho imparato che ascoltando gli altri impari molto di più di quello che c’è scritto sui libri e proprio per questo ho aperto il blog. Il messaggio che voglio portare è proprio questo, vorrei far aprire la mente e far imparare più cose possibili ai miei lettori.

 

MTTD: Ho guardato il tuo video Una lezione molto IMPORTANTE! Come GUADAGNARE veramente e l’ho molto apprezzato per la tua capacità dialettica, per il tuo entusiasmo, ma anche e soprattutto perché in esso ho percepito quello che è anche il tuo desiderio di informare ed al tempo stesso aiutare i tuoi coetanei e non solo a trovare la loro strada.

Cosa ti ha motivato a prendere una simile iniziativa?

TS: Cerco di dispensare le mie conoscenze, quello che so, con gli altri così anche loro imparano ed io imparo da loro. Quello che mi piace fare è dialogare perché secondo me, come ho già accennato, questo è il miglior modo per imparare. È proprio per questo che cerco sempre un confronto con i lettori o gli iscritti.

 

MTDD: Pensi che la scuola e gli studi che hai fatto sino ad ora ti abbiano realmente preparato al mondo del lavoro e alla Vita in generale o trovi che ci siano delle lacune in questo senso, dei tasselli che mancano tra preparazione teorica e cultura in generale e ciò che il mondo del lavoro e la Vita reale richiedono per essere pronti ed avere poi successo?

TS: La scuola è inefficace sotto questo aspetto. È impressionante perché impari di tutto e di più, ma non ad approcciarti al mondo del lavoro e questo è folle! Per fortuna io ho una professoressa che ha pensato anche a questo, la mia professoressa di lettere. Lei ci sta facendo fare un percorso per imparare a scrivere il curriculum e ci ha anche iscritti ad un progetto di educazione finanziaria che è molto interessante. Io comunque mi ritengo di saperne abbastanza sotto questo aspetto perché mio padre lavora come consulente nel settore delle risorse umane, fa anche selezione e ricerca del personale e mi insegna molto ogni giorno.

 

MTDD: Vedo che sei un ragazzo in gamba, solare, pieno di energia.

Quali programmi hai per il futuro? Cosa ti aspetti e cosa vorresti raggiungere?

TS: Programmi per il futuro ne ho tantissimi. Ho appena aperto un podcast di Time Break ascoltabile su tutte le maggiori piattaforme. E gli altri li scoprirete con il tempo basta che mi seguiate sui socials e sul blog…

 

MTDD: Quali ulteriori consigli vorresti dare ai giovani e a tutti coloro che si sentono persi, scoraggiati, frustrati, delusi e sono, quindi, anche molto preoccupati per l’alto indice di disoccupazione e di lavoro precario che purtroppo sembra essere da sempre il ‘denominatore comune’ di tutte le generazioni in un Paese come l’Italia?

TS:  Leggete, ascoltate e imparate sempre, ogni giorno qualcosa di nuovo. Acquisite nuove competenze e soprattutto siate flessibili nel lavoro.

 

MTDD: Avere un atteggiamento come il tuo positivo e costruttivo è fondamentale per avere successo in qualunque area della Vita. Il tuo video Youtube Ricomincia da te! Distruggi i tuoi limiti! centra alcuni punti fondamentali per avanzare nella crescita personale e per acquistare maggiore consapevolezza su chi siamo e dove vogliamo andare, cosa vogliamo raggiungere. Un primo punto consiste nello sfidare se stessi ed i propri limiti, che spesso sono solo barriere mentali che noi stessi ci creiamo e che ci fanno vedere problemi che in realtà non esistono; un secondo punto consiste nell’attivarsi, iniziando a mettere ordine nella nostra vita. L’ordine che mettiamo, anche nel senso di farci il letto, mettere a posto e pulire la nostra stanza…in realtà è un TRAINING che ci aiuta a visualizzare e ad addestrare il nostro subconscio e, se ne afferriamo il significato intrinseco, capiamo che è una metafora del mettere ordine in ogni aspetto della  nostra vita. Il tuo video è ben centrato su questi aspetti ed estremamente efficace. Ti faccio i complimenti.

TS:  Grazie mille, hai fatto una bellissima considerazione.

 

MTDD: Prego. È un piacere. Volendo aiutare altri giovani e meno giovani che ci leggeranno, puoi spiegare come tu personalmente ti mantieni motivato? Che discorsi fai a te stesso? (=Inner dialogue)

TS:  Io sono motivato di mio, sono nato così e do sempre il massimo! Il consiglio per essere motivati è seguite i vostri sogni e raggiungete i vostri obiettivi perché se fate qualcosa che non vi piace non sarete mai motivati e non raggiungerete mai i vostri obiettivi.

 

MTDD: Grazie Tommaso per aver partecipato a questa intervista. Ti faccio tanti auguri per il futuro, qualunque siano le scelte che farai.

Coloro che volessero mettersi in contatto con te in che modo potranno farlo oltre a seguirti su Youtube ed eventualmente sul Blog?

TS:  Io ti ringrazio per lo spazio che mi hai dedicato e spero che i lettori si siano divertiti e interessati durante il racconto della mia storia. Ricordo a tutti che possono venirmi a trovare sul mio blog timesbreaks.blogspot.com o possono ascoltare i podcast sulle maggiori app per ascoltarli oppure trovare su YouTube! Grazie mille e buon proseguimento, auguro a tutti il meglio!