La chiesa di San Giovanni all’Origlione | di Giusy Pellegrino

0
200
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

Girovagando per Palermo, nei pressi del quartiere Albergheria, mi imbatto nella chiesa di San Giovanni all’Origlione , riaperta nel 2018 con importanti affreschi “ritrovati” di Pietro Novelli tra cui il Trionfo di Davide.

La chiesa risale al XII secolo come sede di un ospizio per i Cavalieri Gerosolimitani dipendenti dalla commenda della Guilla e nel XVII secolo fu “trasformato in monastero e affidato a una comunità di suore benedettine” gestito da badesse di origini nobiliari. La struttura inglobava al suo interno la chiesa trecentesca di Santa Maria dello Scutino che, ai tempi del Mongitore, presentava il cappellone col “ quadro raffigurante l’antica immagine dell’Annunziata con le parole dell’Angelo rivolte alla Vergine e quelle della Vergine rivolte all’Angelo, dipinte nella predella in lettere gotiche”.

Tra il 1782 e il 1793 la chiesa venne restaurata sotto la direzione di Giovanni Maggiordomo che ne arricchì la bellezza con importanti stucchi. Come per tutti gli edifici di culto e non la chiesa, sita nel centro storico palermitano, fu bombardata nel 43 venendo distrutto completamente il monastero.

Lazzaro di Giovanni, nel descriverne le bellezze, scrisse: “li  (due quadri dei) laterali delle mura, (sotto il coro) all’entrare della porta e la volta sotto il coro sono opera eccellente di Pietro Novelli. La chiesa ha sei (sette) cappelle oltre del cappellone. Nella seconda cappella a man destra dell’entrata si vede la deposizione di Gesù Cristo dalla Croce: ed è un eccellente copia di un quadro di Pietro Paolo Rubens fatta da un suo scolare sotto i di lui occhi. La concezione nella terza cappella è un buon quadro di scuola fiamenga. Il quadro di San Benedetto nella seconda cappella dal lato sinistro è una delle migliori opere del Cavalier Gaspare Serenario palermitano. L’altro dell’appresso cappella del Battesimo di Gesù Cristo è di man di Vito d’Anna”.

La chiesa, restaurata nel 53 fu concessa, per volere dell’allora cardinale Ruffini, alla Confraternita di Maria SS. Di Pompei fondata nel 1891 nella chiesa di S. Demetrio dei Padri Trinitari in Piazza della Vittoria. Quattro anni dopo i confrati si spostarono nella Chiesa dei Benefratelli dove aggiunsero ulteriori capitoli ai primi esistenti, per poi passare nel 1898 prima, a Casa Professa e poi nella chiesa dell’Origlione. Dopo i bombardamenti la confraternita ottenne dimora nella chiesa di San Giorgio la Kemonia, comunemente conosciuta come Chiesa dei Padri Benedettini, e portarono con se il bellissimo trittico della Madonna di Pompei.

La congregazione ha origine da un “gruppo di mercanti e artigiani specializzati nella produzione di piatti i quali avendo stabilito rapporti commerciali con alcuni abitanti di Pompei, furono coinvolti dal fervore religioso verso la Madonna del Rosario di Pompei”.

Il simulacro, realizzato tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, da maestranze siciliane (con riferimento ai Bagnasco o ai Piscitello), è in legno policromo e riprende le caratteristiche iconografiche della Madonna di Pompei tra i santi Domenico e Caterina incoronata di spine.

Dopo un lungo peregrinare, circa venti anni fa, il simulacro fu donato alla confraternita omonima di Bonagia dove oggi è ancora possibile venerarla.

 

Giusy Pellegrino

 

Previous articleFabrizio Corona e il disturbo borderline di personalità| a cura di Elisabetta Sionis
Next articleMaria Cumani Quasimodo Una donna del nostro tempo | di Antonietta Micali
Laureata triennale in scienze storiche, nel 2017 si specializza col massimo dei voti in studi storici, antropologici e geografici con una tesi di storia medievale locale dal titolo "la spiritualità femminile nel XV secolo: l'esempio di Eustochia Calafato e il Monastero di Montevergini di Messina". Allieva dei docenti più illustri della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo tra cui possiamo annoverare Salvatore Fodale, Pietro Corrao, Patrizia Sardina, Maria Concetta di Natale e Daniela Santoro relatrice ed esempio importante per la sua formazione storica. Nel 2012 inizia il suo percorso in ambito turistico con l'acquisizione della qualifica di organizzatore di itinerari storico, artistici e culturali che la porta a svolgere un periodo di stage presso l'ex ufficio turistico della Provincia di Palermo e, nel 2019, acquisisce la qualifica di tecnico dell'accoglienza turistica. Nel 2018 inizia la sua collaborazione con l'ente di formazione Palermo Corsi dove insegna Storia e tradizioni di Palermo e, nello stesso anno, prende avvio la sua esperienza attiva in campo turistico con l' ASSOCIAZIONE TURISTICO-CULTURALE ITINER'ARS che da anni, attraverso importanti e proficui progetti, fa amare e conoscere le bellezze della nostra città, con particolare riguardo al Complesso del Gesù meglio noto come "Casa Professa", massimo esempio del barocco palermitano, e della Chiesa di Santa Maria degli Angeli detta la "Gancia". Attualmente è impegnata nella stesura di un saggio che verrà pubblicato in un libro scritto in collaborazione con i più importanti teologi gesuiti, progetto realizzato dal rettore di Casa Professa padre Walter Bottaccio Sj. Il suo motto è "la storia non va semplicemente scritta o letta ma vissuta".