“L’arte fa Bene” (alla salute) | di Marco Cagnolati

0
154
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
Video intervista (onirica) rivisitata di Kai-Uwe Schulte-Bunert del 26 aprile 2020
Cosa ti auguri per dopo la crisi provocata dal virus?
•Vorrei augurarmi un cambiamento radicale del comportamento umano, ma non cambierà. Cosa avverrà ve lo voglio risparmiare. Sono peccatore, ma credente e i credenti sanno già cosa accadrà.
Come vedi il ruolo della cultura, adesso e dopo?
•Non cambieremo: continueremo a distribuire veleni, falsificare le informazioni e la storia, a premiare porcheria chiamandola meritocrazia, a catalogare ed esporre imbrattatele definendoli artisti e a premiare filastrocche dette anche poesie, valorizzando il tutto pure su giornali e TV.
Riesci a lavorare in questo periodo?
•Si, lavoro molto e senza che nessuno mi venga a disturbare perché è tutto bloccato.
Com’è cominciata la tua ricerca personale?
•E’ iniziata nel 1976, mentre mi stavo diplomando all’Istituto “d’Arte Toschi” di Parma, poi ho proseguito gli studi all’Accademia Belle Arti di Bologna, mi sono Specializzato al C.I.T.E. di Mantova, ho insegnato “Disegno dal vero” ed “Educazione Visiva” all’Istituto d’Arte Chierici di Reggio Emilia, poi ho esposto a Cinecittà, in Vaticano e a tutte le “Expo” internazionali fino all’apice espositivo che è “la Biennale di Venezia” del 2001 (da non confondere con il “Padiglione Italia”, eventi collaterali e succursali regionali sparse qua e là).
Due parole sull’opera che hai messo a disposizione …
•“Leoni ieratici”, un disegno del 1998, eseguito su polimateria, rappresenta l’istinto per la sopravvivenza in un caotico contesto multiforme e informale di belanti ipnotizzati che corrono verso il suicidio di massa.
MARCO CAGNOLATI – Diabolik TV – cm.25 x 23 x 25 – smalto su TVSony – 2020
Previous article“L’AMORE SBAGLIATO” – Presentazione del libro di Giancarlo Bonaventura
Next article“A tutto Rock!” ǀ Intervista a Emanuele Semeraro ǀ di Maria Teresa De Donato
ARTISTA - Nato a Boretto il 15 marzo 1959 (in provincia di Reggio Emilia). STUDI: Istituto d’Arte ”Paolo Toschi” di Parma - Accademia Belle Arti di Bologna - Specializzazione Polivalente a Mantova. TITOLI: Abilitazione all’insegnamento di Educazione Artistica (Ist.d’Arte ”Venturi” di Modena) - Abilitazione all’insegnamento di Discipline Pittoriche (Liceo Artistico di Bologna) - Idoneità di Concorso e Diploma di "Alta Qualificazione Docente" (Reggio Emilia). HA INSEGNATO: ”Educazione Artistica” nelle scuole medie, “Businnes” alle superiori e “Disegno dal vero” ed “Educazione Visiva” presso l’Istituto d’Arte “Gaetano Chierici” di R.E. (1^ 2^ e 3^ e 1^ e 2^ Biennio Sperimentale). Ha lavorato per il Cinema ("The last Emperor" – 9 Oscar) e la RAI TV. ESPOSIZIONI PRINCIPALI: Mostre personali a Reggio Emilia, Modena, Mantova, Bologna, Latina, Firenze, Milano, Genova, Roma, Parigi, Torino, La Biennale di Venezia “Platea dell’Umanità”-2001, Londra …ExpoArte di Bari, Bologna, Basilea, Stoccolma, Los Angeles, San Francisco, New York, Tokio, Madrid, Toronto. CRITICI: Flavia Lepre, Gilberto Cavicchioni, Romana Bagni, Luciano Caramel, Andrea Visioli, Eros Teodori, Angelo Leidi, Marzio Dall'Acqua, Alberto Agazzani, Sergio Zanichelli, Gillo Dorfles, Achille Bonito Oliva, Vittorio Sgarbi e Philippe Daverio.