“Rimettiamoci in viaggio” | di Meri Lolini

0
389
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

In questi giorni si stanno chiudendo le scuole e come sempre  iniziano le vacanze dei tanti studenti e le ferie delle tante famiglie. In questi mesi stiamo raggiungendo un obiettivo importante quello della vaccinazione di milioni di persone contro il Covid-19. Questo virus che ha colpito pesantemente tutti i cittadini del mondo ed ora con tanta attenzione e precauzione torneremo a viaggiare.Il viaggio è un ‘occasione importante per tutte le persone per incontrarsi e scambiarsi idee e confrontarsi nelle varie esperienze. Per incontrarsi è necessario sempre un viaggio, che può essere di varie forme.Attraverso questo spostamento acquisiamo attimi preziosi per la nostra esistenza  e per il nostro arricchimento sia cognitivo che di esperienze. Il viaggio ha sempre rappresentato qualcosa di affascinante e di sorprendente, per scoprire nuove realtà sia paesaggistiche che culturali. Pensiamo, cosa rappresenti per i bambini un viaggio per raggiungere  il posto dove trascorrere le  vacanze ed incontreranno altri piccoli amici con cui giocare. Il loro bagaglio è fatto dai  giochi e dai pupazzi che più gli  piacciono. La loro fantasia supera ogni confine e che ricordi al rientro a casa avranno? Il viaggio fatto per esplorare il nostro pianeta, che ha portato nei secoli a conoscere nuovi territori e nuovi popoli.Pensiamo a Cristoforo Colombo con la scoperta dell’America e tanti altri navigatori che hanno contribuito a costruire le carte geografiche , ora soppiantate dal tecnologico ”navigatore”. Mi piace introdurre il tema del viaggio ricordando questo aforisma :”Un viaggiatore senza osservazione è un uccello senza ali” di Moslih Eddin Saadi . Infatti quando facciamo un viaggio dobbiamo osservare e comprendere, sia dove siamo e con chi ci confrontiamo , così  saremo arricchiti da questa esperienza. Viaggiare  ed entrare in contatto con nuovi modi di fare e di pensare basati sul percorso storico di quel popolo , entrare nelle loro cucine e trovare nuovi sapori dovuti  ai prodotti che coltivano ed a il clima che hanno,è veramente entusiasmante. Quando viaggio preferisco alloggiare in appartamenti e quindi  questo significa andare ai mercati per la fare la spesa ed entrare in relazione con quella cultura , vedere che cosa preferiscono , vedere quali sono i loro comportamenti e sono sicura che è questo arricchisce il viaggiatore ed è il souvenir più prezioso, che porteremo sempre nella nostra mente e nel nostro cuore. Oggi si viaggia anche sul web ed entriamo in contatto più facilmente con tante persone ,che poi setacciamo con il vaglio degli interessi comuni e magari ci confrontiamo con esperienze su argomenti simili, che ci interessano. Il viaggio è affascinante  e non mi preoccupo mai del contenuto della mia valigia. Infatti sono convinta, che adattarsi a quello che troveremo con quello che abbiamo è l’ingrediente importantissimo dell’essere “viaggiatore”.Una cosa devo sempre avere con me, è la possibilità di documentarmi su qualcosa, che non sapevo che esistesse. Ho letto un libro “L’arte di viaggiare” di Alain De Botton e qui sono presi in considerazione vari tipi di viaggio ed anche quello all’interno della propria abitazione, cercando di mettere in fila tutto quello che abbiamo e valutare quanto questi oggetti appartengono alla nostra identità , infine l’autore parla anche del viaggio interiore dentro noi stessi. Partendo dalla convinzione, che il viaggio rende vitale sia la nostra mente che la nostra passione alla vita, questa opportunità deve essere sempre viva nella nostra esistenza , perché questa ci fa comprendere che siamo tutti cittadini del mondo e quindi tutti degni di rispetto e di poter vivere un’ esistenza di diritti e doveri uguali in ogni angolo del mondo. Questo è un periodo di rinascita per tutti e di grande consapevolezza conquistata con questa esperienza dolorosa della pandemia, che è stata prima conosciuta e poi affrontata grazie allo straordinario impegno di tutti i vari settori della scienza, che hanno lavorato in maniera sinergica per arrivare alla soluzione sia della cura che della vaccinazione e quindi questa estate che sta iniziando è un dono inaspettato per tutti noi.

 

Previous articleValentina Neri, scrittrice e poetessa, ci presenta “L’arte ha bisogno di carezze”, libro-intervista al critico d’Arte Luca Nannipieri | INTERVISTA
Next articlePensieri sparsi | Elena Rosa Tafanelli
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono otto ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. L'ultimo libro è " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Pubblicato a luglio 2020 Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Dal 2016 scrivo articoli su Class24 che è una rivista online di Orbassano (TO). Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani. Meri Lolini https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428