Serata di alta moda al Castello di Paternò | di Antonietta Micali

0
279
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

Il giorno 01 agosto 2021 al Castello di  Paternò si è conclusa la sedicesima edizione di Alta  Moda 2021, evento organizzato dall’Associazione Culturale Ainart di Giuseppe Borrata con il Patrocinio dell’Assessorato Turismo, Sport, Spettacolo della Regione Sicilia e il Comune di Paternò con la presenza del  Sindaco Nino Naso e del grande Maestro Alviero Martini. Una serata veramente eccezionale organizzata con grandissima professionalità dal grande Direttore Artistico Steven G. Torrisi e presentata dall’attrice  Licia Nunenz. Ha aperto la serata  il Maestro Alviero Martini, raccontando alcuni tratti salienti della sua vita e rivolgendosi ai giovani li ha invitati a non mollare mai nel perseguire un sogno, perché  solo con l’impegno e con la buona  volontà  i sogni si possono realizzare.

La sfilata si è aperta con gli abiti del grande stilista Anton Giulio Grande  che hanno destato stupore e meraviglia per la bellezza e l’eleganza. Ad Anton Giulio Grande ,  Special Guest della serata, è stato assegnato un premio dallo stesso Alviero Martini. Bellissime  le sculture di Giuseppe Fata il quale è indubbiamente, tra i più importanti ambasciatori del made in Italaly. Tanti gli ospiti di grande talento che hanno contribuito a dare lustro alla serata, tra cui la sfilata degli abiti di Nuccia Burgaretta, Salvatore Cusimano, un giovane artista siciliano che pone la sua scultura al servizio dell’Uomo. Gli ospiti sono stati allietati dall’esibizione canora di Bruno Giarusso in arte Big Bruno e da Rita Corsaro. La Sicilia, isola di sconfinata bellezza  ha avuto l’onore e il piacere di ospitare due grandi stilisti:  Alviero Martini e Anton Giulio Grande, uomini dal talento riconosciuto in tutto il mondo, creatori di bellezza , per cui come per incanto, si è creata un’atmosfera dal  sapore magico che  è riuscita a rapire e incantare  il pubblico presente, trasmettendo grandi emozioni. L’arte è cultura, e in questo periodo storico in cui la pandemia ci limita, incutendo  incertezza per il domani, gli artisti sentono più forte che mai la voglia di creare, di generare il bello per curare l’anima e condurla a nuova vita. Certo che il Made in Italy con talenti del genere non può non essere il fiore all’occhiello del costume italiano nel Mondo e di questo dobbiamo essere grati a chi come loro si spende per rappresentare il nostro paese da sempre pieno di cultura e bellezza.

Antonietta Micali