Meri Lolini, scrittrice, presenta il suo ultimo libro, “La lama” | INTERVISTA

0
549
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

«Penso che la lettura di questo romanzo porti l’attenzione del lettore su questo problema che ho cercato di affrontare sia sotto il profilo psicologico che comportamentale. Si entra nella distinzione tra la parafilia e la manifestazione del disturbo parafiliaco e le conseguenze che si hanno da questi comportamenti» (Meri Lolini)

Meri Lolini

Ciao Meri, benvenuta e grazie per aver accettato il nostro invito. È appena uscito il tuo nuovo libro, “La lama”, pubblicato da CTL editore. Ci racconti qualcosa, senza ovviamente fare spoiler? Come nasce, quale l’idea che lo ha generato, dove è ambientato, quali i protagonisti, quale il messaggio che vuoi arrivi al lettore…?

Questo romanzo è il mio secondo libro pubblicato con CTL Libeccio ed è uscito questo mese. La storia è ambientata a Firenze ed una piccola parte a Follonica, che è una cittadina sulla costa maremmana. È nel parco delle Cascine di Firenze dove i vari personaggi prendono forma e si relazionano ed una parte della storia si svolge sulla spiaggia di Follonica, che fa da cornice ai momenti più determinanti delle indagini svolte dal commissario Mariani. Tutto inizia con un omicidio e pian piano vengono svelate verità indicibili che distruggono una famiglia. Il tema che viene affrontato è quello del turismo sessuale e le conseguenze per i ragazzi che vengono coinvolti in queste situazioni drammatiche. Tutto si svolge durante la Pandemia e con la pericolosità dei possibili contagi e per questo tutto viene reso ancora più complicato. È una trama articolata che ho voluto allestire per dare il mio piccolo contributo per ragionare su questo problema e per i pericoli che ne derivano per i nostri ragazzi.

A questo punto la mia domanda d’obbligo: perché i nostri lettori dovrebbero comprare il tuo libro? Prova a incuriosirli perché vadano in libreria o nei portali online per comprarlo.

Meri Lolini, “La lama”, CTL editore, Livorno, 2021

Penso che la lettura di questo romanzo porti l’attenzione del lettore su questo problema che ho cercato di affrontare sia sotto il profilo psicologico che comportamentale. Si entra nella distinzione tra la parafilia e la manifestazione del disturbo parafiliaco e le conseguenze che si hanno da questi comportamenti. Nel racconto ci sono importanti contributi al tema trattato da parte di due personaggi che sono una psicologa ed una avvocatessa, che con i loro dialoghi informano sugli aspetti sia psicologico che legislativo di questa problematica. Il libro si può acquistare sia in libreria che online ed anche sul portale della casa editrice.

C’è qualcuno che vuoi ringraziare che ti ha aiutato a realizzare questo romanzo? Se sì, chi sono queste persone e perché le ringrazi pubblicamente?

Ringrazio il Dr. Nino Bozzi della Casa Editrice CTL ,che ha creduto in questo progetto letterario e mi ha seguita nelle varie fasi della pubblicazione. Questo è il secondo libro che pubblico con questo editore. Infatti lo scorso anno è stato pubblicato “L’indimenticabile quarantena”. Questo libro ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 come “miglior testo di informazione giornalistica”. In questo libro sono stati raccolti gli articoli che ho pubblicato nella rubrica “Viviamo così” su Mobmagazine.it e quindi ringrazio anche loro per avermi accolta.

Hai programmato delle presentazioni pubbliche del tuo libro, visto che adesso la corda delle restrizioni anti-Covid si è un po’ allentata e si può riprendere a vivere quasi normalmente? Se sì, dacci alcuni degli appuntamenti previsti perché i lettori interessati possano partecipare.

In questi ultimi due anni tutte le interviste e le presentazioni sono state possibili solo online. Ho molte richieste da vari Comuni e spero tanto, che si ritorni presto ad incontrarsi per potersi confrontare in presenza. In questo periodo pandemico è stato molto impegnativo,allestire incontri con le varie piattaforme e poter fare qualche confronto  sia con altri autori e qualche lettore. Ho dei bellissimi ricordi delle presentazioni allestite in vari Comuni, che mi hanno invitata e di questo li ringrazio.

Come vuoi concludere questa chiacchierata e cosa vuoi dire a chi leggerà questa breve intervista?

Ringrazio chi avrà avuto la pazienza e la voglia di leggere questa mia intervista e spero che sia gradita. Con queste mie parole mi auguro che vi abbia incuriositi e quindi che abbiate voglia di leggere i miei libri. Credo che la lettura sia la fonte più autorevole che ci arricchisce, favorendo riflessioni e confronti,che ci fanno progredire. Leggere è un’attività che deve essere curata e coltivata per una evoluzione di tutti noi. Il mio primo libro è stato pubblicato nel 2014 ed ora sono dieci i testi pubblicati. La passione mi ha sempre accompagnata nelle mie attività ed infatti ho lavorato sempre come analista chimico e  grazie alla curiosità ho lavorato in laboratorio con grande dedizione. Sono in pensione da due anni ed ora sono in compagnia della lettura, della scrittura e delle tante passeggiate che amo fare sia lungo la spiaggia che nei parchi di Firenze.

Meri Lolini

https://www.facebook.com/meri.lolini

http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428

https://www.youtube.com/watch?v=WgkcUl3L6kw

http://www.aracne.tv/video/meri-lolini.html

http://www.aracne.tv/video/intervista-a-meri-lolini.html

https://www.youtube.com/watch?v=8ewm2umYxPU

I libri di Meri Lolini

Il libro:

Meri Lolini, “La lama”, CTL editore, Livorno, 2021

https://www.ctleditorelivorno.it/product-page/la-lama

Andrea Giostra

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

Andrea Giostra al mercato di Ballarò a Palermo_PH. Mapi Rizzo