Il cuore parla a chi è pronto ad ascoltarlo | di Mari Onorato

0
128
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Seguire il cuore ci aiuta ad uscire dalle situazioni difficili e a trovare risposte quando siamo a un punto morto; soprattutto nei momenti cruciali, quando non sappiamo prendere una decisione o fare una scelta importante, dovremmo seguire il Cuore e ciò che questo piccolo muscolo ci suggerisce.

Quando, incerti sul da farsi, chiediamo un consiglio ad un amico e non otteniamo altra risposta se non quella di seguire il cuore. Quante volte mi sono chiesta :-come si fa a seguirlo se spesso è proprio il cuore ad errare in un labirinto di sentimenti contrastanti e di mutevoli percezioni?

Per seguire il cuore bisogna iniziare a sentirne la voce; abbassare il tono dei rumori di fondo della vita. Iniziare ad ascoltarsi, a concentrarsi sulle cose che davvero contano. Serve prima di tutto gettar via tutta la “spazzatura” interiore. Parlo dei pensieri troppo architettati, dei giudizi e dei pregiudizi, di quelle auto-valutazioni impietose che restano incise a lungo nella nostra mente.

Parlo delle ansie, dei sensi di colpa e di fallimento.

Bisogna pulire, più si pulisce e più si arriva all’essenza.

E dietro tutto ciò c’è il nostro impegno a liberarci di tutta la zavorra interiore.

Una volta alleggeriti, si riparte, concentrandoci sulla nostra capacità di essere liberi, leggeri e finalmente noi stessi. Non sentiamo più il peso dei condizionamenti, mettiamo da parte il velo delle finzioni. Riscopriamo di volerci bene, di amarci per quello che siamo.

Riscopriamo di essere.

Il cuore parla a chi è pronto ad ascoltarlo.

La sua voce sussurra l’essenza, la verità delle cose. Il cuore non grida. Per ascoltarlo serve fare silenzio, concentrarsi sul suono che ci è più familiare. In un istante la vista si allarga, a dismisura, accoglie un orizzonte più ampio che va oltre i limiti che credevamo invalicabili. Vediamo la vita da un’angolazione diversa, affiorano nuove idee alla soglia della coscienza, emerge un altro punto di vista.

È quello l’attimo in cui il cuore si svela e parla con la mente, squarciando le nuvole di pensieri illusori e di dubbi che smettono di offuscare.  Cogliamo la totalità in una sintesi perfetta e non vaghiamo più negli intricati meandri della razionalità. Con un pensiero limpido e pulito, smettiamo di assecondare le nostre tendenze fondamentali.

È l’istante in cui il nostro sentire acquista una capacità superiore di percepire la vita, si trovano soluzioni creative, risposte sagge ed efficaci.

È l’instante in cui seguiamo il cuore.

Seguire il cuore è sentire la vita… una decisione da rinnovare ogni volta che la realtà ce lo chiede o ce lo impone.

E richiede uno sforzo, un allenamento costante di riflessione e di ascolto interiore.

Il risultato però è incredibile.

Se riusciamo ad attivare questo flusso interiore, quest’intimo canale di comunicazione con noi stessi riusciamo davvero a sentire la vita, armonizziamo le funzioni del cuore con quelle della mente per cogliere l’essenza, la natura più vera delle cose.

In questa disposizione d’animo non è più il nostro fardello di rancori, di incertezze e preoccupazioni a decidere il corso dei giorni, ma è la nostra parte più autentica e pura che ci guida attingendo all’infinito potere che è in noi.

Mari Onorato