“Il pianista Luca Buosi” | di Meri Lolini

0
355
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Carissimi oggi siamo in compagnia di Luca Buosi , un pianista friulano che con le sue colonne sonore è arrivato ad Hollywood la città del cinema per eccellenza. E’ lui l’autore della colonna sonora del cortometraggio diretto da Leonardo Barone “13 scatti“. Il film ha conquistato 11premi internazionali ai festival di Istanbul, Gran Bretagna e Los Angeles. Vorrei che ci parlassi dell’emozione che vivi mentre componi e come ti senti davanti a premiazioni così importanti.

Buongiorno, grazie a voi, è sempre un piacere poter parlare di queste belle esperienze.L’emozione di poter portare a casa dei premi è sempre fortissima, sopratutto quando i premi sono 11 e soprattutto quando si viene riconosciuti anche all’estero.

Ovviamente queste soddisfazioni sono per tutto il Team di persone che ha creduto e portato avanti questo progetto.In primis il Regista Leonardo Barone che ha voluto che curassi la colonna sonora e  per questo devo ringrazialo per aver creduto in me. Quando compongo mi concentro per capire al meglio che tipo di musica comporre sulle immagini, e su questo lavoro devo dire che la durata per realizzare la colonna sonora è stata relativamente breve. Avevo già le idee ben chiare dopo aver visualizzato il progetto, mi è piaciuto fin da subito. L’emozione di poter musicare un progetto è sempre forte, anche perché la musica è una componente molto importante soprattutto su questo corto dove i dialoghi sono limitati.

Hai da poco pubblicato il tuo primo EP che è composto da cinque brani strumentali per l’etichetta Battitorumore ed all’interno è presente anche la colonna sonora di “13 scatti” che è il corto di cui abbiamo parlato prima. Questi sono i titoli dei brani: Orchestrale,Paradise, La ballerina,Follia,Per te. Ci racconti le scelte che fai quando componi e come correggi qualcosa per rendere il brano più in sintonia al tuo progetto? 

La componente comune dei questi brani è  il pianoforte, infatti anche sulla copertina del disco è rappresentato un pianoforte, che è stata realizzata appositamente per me dal grafico Mark Simonella. La scelta per la realizzazione di questo lavoro è stato creare una componente comune tra le varie canzoni. Volevo valorizzare il pianoforte visto che è il mio strumento, anche se la canzone “orchestrale” è quella dove si sente meno il suo suono,però fa parte della colonna sonora come la canzone “Per te” . Sono molto orgoglioso di questo disco , che rappresenta il mio percorso musicale fino a questo momento tra l’altro questo EP è intitolato PARADISE ed è presente sui più importanti distributori digitali tra i quali Amazon Music, Apple Music, Spotify.

Hai iniziato ad 11 anni a studiare pianoforte ed hai ricevuto tanti premi e nel 2015 hai vinto la 9 Edizione categoria Live Piano Bar festival. In questa attività ti esibisci accompagnato da una voce femminile. Che cosa ci puoi dire di questa emozione condivisa tra musica e canto?  

L’emozione di poter suonare dal vivo credo che sia la più grande soddisfazione che un musicista può avere, soprattutto adesso che stiamo vivendo un periodo storico molto pesante dal punto di vista artistico. Con il progetto del duo piano e voce propongo solitamente cover però riarrangiate in modo da rendere la canzone più piacevole all’ascolto, se pur in una formazione acustica dove io sono l’unico musicista e la voce fa la differenza.

Ringraziandoti della tua disponibilità, vorrei che ci raccontassi la tua attività di musicista in questo periodo pandemico. 

Mi devo ritenere innanzi fortunato per non aver contratto il Virus. In questo per periodo la musica dal vivo è stata inesistente purtroppo, però avendo il mio studio di registrazione (LB STUDIO) ho potuto creare sia la colonna sonora del cortometraggio 13 SCATTI, che realizzare il mio disco. Diciamo che il tempo che avevo a disposizione ho cercato di valorizzarlo al meglio al fine di renderlo come un’ opportunità e non una perdita di tempo. Vi ringrazio per questa intervista e se avete piacere visitate i miei canali social. ciao Luca Buosi

 

https://www.facebook.com/luca.buosi.10

 

 

Previous articleOggi Giornata Nazionale dello Spettacolo. Virzì (Ugl creativi): Che sia l’inizio di un reale rilancio
Next articleCarlo Barbieri, autore e scrittore siciliano, presenta “Dieci piccoli gialli 3”, l’ultimo capitolo della serie di mini-gialli per bambini | INTERVISTA
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono otto ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Nel 2020 " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Settembre 2021 il romanzo "LA LAMA" edito da CTL Libeccio Edizioni. Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani. Meri Lolini https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428