Mostre: Personale di Giovanni De Lazzari, “Nel passato di un’idea”, a Modica (SICILIA)

0
165
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

L’artista presenterà per l’occasione una serie di grandi disegni realizzati sui muri della galleria, frutto della sua recente ricerca che da sempre usa il disegno a matita come strumento privilegiato.

Laveronica arte contemporanea è orgogliosa di annunciare la nuova mostra personale di Giovanni De Lazzari (Lecco, 1977). L’artista presenterà per l’occasione una serie di grandi disegni realizzati sui muri della galleria, frutto della sua recente ricerca che da sempre usa il disegno a matita come strumento privilegiato.

I lavori mettono in scena, ancora una volta, la riflessione tenace e profonda di De Lazzari sul rapporto tra forma e contenuto, tra la propria dimensione intima e segreta e quella che solo per un attimo cerca di diventare pubblica, finendo per essere inevitabilmente parziale.

Per fare questo, l’immaginazione lascia spazio all’osservazione della natura, trasformando il disegno in una pratica di vita quotidiana.

La continua tensione tra la complessità del proprio immaginario e il tentativo quasi disperato di metterlo in mostra pone talvolta il lavoro dell’artista lontano dalle aspettative dello spettatore, ma in forte relazione con il mondo e attribuisce a essa una caratteristica preziosa e sempre più rara, quella della sincerità.

La mostra sarà accompagnata da un breve riflessione scritta dall’artista, insieme al quale si potrà visitare la mostra su appuntamento dal 12 al 14 Agosto.

Guardare è un tentativo di gettarsi oltre i propri occhi sperando di non confondere il mondo con sé stessi.

In casa mia c’è un piano su cui ripongo ciò che raccolgo da terra; perlopiù si tratta di frammenti di natura a cui la morte ha conferito una seconda bellezza: foglie accartocciate, rami, insetti, ma soprattutto grovigli trovati ai margini dei sentieri. Disegnandoli in grande su pareti bianche elevo ciò che è minuto, residuale e prossimo al disfacimento, interpretando lo spazio come nesso tra soggettività e oggettività.

Nella complicatezza di annodamenti e percorsi interrotti questi elementi naturali corrispondono ad armonie psichiche apparenti, all’interno delle quali ogni certezza è solo una provvisoria attribuzione di senso. Gesti e linee determinano una seconda origine fisica del pensiero di cui una parte, attraverso il segno, emerge come traccia lasciando l’altra sommersa.

Nell’ambito della nautica è definita “opera viva” la porzione di scafo che è sotto la superficie dell’acqua; “opera morta” quella affiorante. Il riferimento mi è caro perché esprime la reciprocità di due livelli, l’uno evidente e l’altro nascosto, che sono fondamentali di un’immagine. Vale a dire che la forma allude sempre a ciò che nasconde; non svela mai, semmai suggerisce.

BIO Giovanni De Lazzari:

https://www.gallerialaveronica.it/artists/giovanni-delazzari/

Giovanni De Lazzari(Italy/1977) lives and works between Bergamo and Milan.

De Lazzari’s work has never been classifiable within a project and his research probes the primitive nature of the artistic process. His work is not about current trends, but a temporality that necessarily precedes and disregards any exhibitory moment.

He has attended the Accademia G. Carrara di Belle Arti, in Bergamo in 2007 and in 2008 he has been invited at the FAR-Fondazione Antonio Ratti XIV Corso Superiore di Arti Visive.

Recently he has participated at the artistic Prize città di Treviglio ed.2014.

His works has been shown recently at: 2015, Lo Specchio Attraversato, Ex Convento di San Lupo, Bergamo; 2015 Memorandum, Art House, Scutari; 2015 Giorni Segreti, Syson gallery, Nottingham; 2015 Il sosia. Artisti e collezioni private, Galleria Civica, Trento; 2015 Open MIA, BACO, Palazzo della Misericordia, Bergamo (curated by Stefano Raimondi e Mauro Zanchi); 2014 La Maison particulière, Brussels in the group exhibition La Gioia; Krobylos un groviglio di segni. Da Parmigianino a William Kentridge, FAR E Museo della Città / Sala delle Teche, Rimini (curated by Alessandra Bigi Iotti, Marinella Paderni, Massimo Pulini, Giulio Zavatta); Atlanti Sottili, Casa Bianca, Zola Predosa (curated by Marinella Paderni). Among his solo exhibition we mention: 2014 Imago, Laveronica arte contemporanea, Modica, Sicily; 2013 Senza titolo, Spazio A Zero, Artdate 2013, Bergamo (curated by Mauro Zanchi).

INFO:

a Modica da 12/08/2021 al 30/11/2021

presso: Laveronica Arte Contemporanea

https://www.gallerialaveronica.it

Via Clemente Grimaldi 93 – Modica – Sicilia

dal 12/08/2021 al 30/11/2021

di Giovanni De Lazzari

https://www.giovannidelazzari.com/

FONTE:

https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/giovanni-de-lazzari-imago/