Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
    

Sul palcoscenico del Politeama Garibaldi di Palermo il poliedrico pianista Roberto Prosseda con il quarto e ultimo concerto dedicato all’integrale delle sonate per pianoforte composte da Mozart. Lunedì 14 marzo alle 17.15, lo Steve Jobs del pianoforte, così come viene definito grazie alla sua ricerca di nuovi mezzi di fruizione della musica, si esibirà nelle Sonate del compositore salisburghese n. 15 KV 533 / KV 494 in fa maggiore, n. 16 KV 545 in do maggiore, n. 17 KV 570 in si bemolle maggiore e n. 18 KV 576 in re maggiore.

Prosseda è uno dei pianisti più apprezzati a livello internazionale per la sua capacità interpretativa poliedrica e raffinata dei canoni classici della musica per pianoforte ed è vincitore di numerosi premi discografici. Nato a Latina nel 1975, ha studiato con Anna Maria Martinelli e Sergio Cafaro. Suona regolarmente con alcune delle più importanti orchestre al mondo, tra cui London Philarmonic, Moscow State Philarmonic, Santa Cecilia, Filarmonica della Scala ed è attualmente l’unico musicista che tiene regolarmente concerti al pedal piano. Si è affermato in vari concorsi internazionali, tra cui il Micheli di Milano, il Casagrande di Terni, lo Schubert di Dortmund e il Mozart di Salisburgo. Dal 2015 lavora all’incisione di tutte le sonate per pianoforte di Mozart.

Ha inoltre ideato e realizzato, in collaborazione con Ubyweb&Multimedia, la prima app per iPhone e Android dedicata a Felix Mendelssohn, “iMendelssohn” e pensato innovativo format di lezione-concerto in cui si confronta e scontra con “TeoTronico”, robot pianista dotato di 53 dita, in grado di riprodurre qualsiasi file Midi su un normale pianoforte acustico, illustrando al pubblico i principi dell’espressione musicale al pianoforte. È stato anche autore di vari cicli radiofonici, nonché uno dei protagonisti delle “Lezioni di Musica” di Radiotre, ed all’attivo è presidente dell’Associazione Mendelssohn Italia e co-fondatore e direttore artistico dell’Associazione di volontariato “Donatori di Musica”.