A Roma inaugurata “Casa Netflix” | Presentati i progetti italiani

0
143
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Nel cuore di Roma, Villino Rattazzi apre alla creatività. La nuova casa di Netflix, la prima in Italia, non poteva prescindere da quelle che sono le radici storiche del Bel Paese. Perché già più di quindici anni fa, quando Netflix stravolse la vita televisiva degli italiani facendoli diventare tutti addicted di serie bevute d’un fiato, si parlava di cogliere le radici di un luogo. Lo diceva Ted Sarandos, ad del gruppo, alla sua prima uscita del GlobalFest e lo ribadisce oggi Reed Hastings, Fondatore e Co-CEO di Netflix, che aggiunge: “L’apertura dell’ufficio di Roma è un chiaro segno del nostro forte impegno a lungo termine nel paese e ci permetterà di lavorare ancora più a stretto contatto con la comunità creativa italiana per realizzare una varietà di grandi show e film made in Italy”.

Padroni di casa della presentazione dell’avamposto sono stati Tinny Andreatta, Vice Presidente delle originali italiane, Giovanni Bossetti, Manager per i contenuti non fiction italiani, Sara Furio, Direttrice dei film per l’Italia in Netflix, accompagnati dalla conduzione di Michela Giraud. Non è mancata la presenza di Reed Hastings, Fondatore e Co-CEO di Netflix. Prima di raccontare tutte le novità, tre principali segnalazioni: una docuserie su Wanna Marchi, una serie tv sul celebre romanzo Il gattopardo e un’altra che racconta le donne scritta da Teresa Ciabatti.

“È un grande piacere aver messo radici in Italia, paese che ha una storia culturale e cinematografica di primaria importanza. L’apertura dell’ufficio di Roma è un chiaro segno del nostro forte impegno a lungo termine nel paese e ci permetterà di lavorare ancora più a stretto contatto con la comunità creativa italiana per realizzare una varietà di grandi show e film made in Italy”, dichiara Reed Hastings, Fondatore e Co-CEO di Netflix. Questi grandi show e quindi progetti riguardano prima di tutto i film che usciranno nel 20220: Rapiniamo il Duce (Bibi Film), un ambizioso “heist movie” ricco di azione e di humour con la regia di Renato de Maria e con Pietro Castellitto, Matilda De Angelis e Isabella Ferrari, tra i protagonisti, Il Mio Nome è Vendetta (Colorado Film), un adrenalinico film di azione, sopravvivenza e vendetta ambientato nell’Italia del Nord. Scritto e diretto da Cosimo Gomez e con Alessandro Gassman nei panni del protagonista, Love & Gelato (HT Film), le avventure e disavventure – con tanto gelato! – di Lina, una giovane americana alla ricerca di se stessa e delle proprie radici in una scintillante Roma. Scritto e diretto da Brandon Camp, Sotto il Sole di Amalfi (Lucky Red), amicizie e amori in una magica estate nella splendida cornice della costiera amalfitana nel film sequel di Sotto il Sole di Riccione. Diretto da Martina Pastori, al suo debutto alla regia, con Lorenzo Zurzolo, Ludovica Martino, Isabella Ferrari e Luca Ward tra i protagonisti, Per Lanciarsi Dalle Stelle (Lotus Film), ispirata all’omonimo romanzo, l’emozionante storia di Sole, una giovane donna che dopo la morte della migliore amica, proverà ad affrontare e vincere tutte le sue più grandi paure. Diretto da Andrea Jublin, con Federica Torchetti, Lorenzo Richelmy, Cristiano Caccamo, Celeste Savino, Anna Ferruzzo e Massimiliano Gallo.

Passando alle serie tv, sono state annunciate: la trasposizione seriale del romanzo Il Gattopardo (Indiana Production e Moonage Pictures), la serie ispirata al romanzo di Tomasi di Lampedusa da cui Luchino Visconti ha tratto un capolavoro della nostra cinematografia. Il regista Tom Shankland riscoprirà tutta la modernità di un racconto, quello del Principe di Salina e della sua famiglia, che è quello dell’Italia di ieri e di oggi, dando spazio a personaggi e storie che nel libro sono poco esplorate, Inganno (titolo provvisorio) (Cattleya, parte di ITV Studios), un thriller sentimentale che gioca tra suspence, tabù e scomode verità sull’amore. L’appassionante relazione non priva di ombre, tra una donna matura e un ragazzo che ha la metà dei suoi anni, mette in crisi le convenzioni sociali e gli equilibri familiari, sovvertendo l’intoccabile topos della maternità della cultura mediterranea, il nuovo progetto animato di Zerocalcare (Movimenti Production in collaborazione con Bao Publishing), tornano il mondo narrativo, il linguaggio unico ed i personaggi inconfondibili dell’universo del grande fumettista romano. Fra le novità del progetto: il formato, con sei episodi da circa mezz’ora che entreranno ancora più a fondo nelle tematiche care all’autore, Lotto Gang (titolo provvisorio) (BIM Produzione e Feltrinelli Originals), l’incredibile avventura liberamente ispirata alla storia vera della più grande e geniale truffa al Lotto mai avvenuta. Ambientata nell’hinterland milanese a metà degli anni ’90, propone un heist con antieroi e antieroine indimenticabili che unisce azione e commedia all’italiana, Odio Il Natale (Lux Vide, società del Gruppo Fremantle), Pilar Fogliati protagonista della prima serie italiana natalizia di Netflix che racconta la ricerca dell’amore con la chiave della commedia.

E infine, ma non per importanza, i progetti unscripted e quindi non fiction che sono forse tra i contenuti migliori annunciati oltre che tutti attraenti, o per un motivo o per un altro. Wanna (Fremantle Italy), una docu-serie crime con tocchi pop che ricostruisce e racconta gli aspetti noti ma soprattutto quelli meno noti di una donna e di una vicenda che sono anche il ritratto di un momento storico e di un’epoca televisiva in Italia, lI Caso Alex Schwazer (Indigo Film), un racconto senza filtri su ascesa, caduta e ricerca di redenzione di uno sportivo, sullo sfondo di un’intricata vicenda sportiva e giudiziaria, Summer Job (Banijay Italia), il primo reality originale italiano Netflix: quella che inizia come una vacanza paradisiaca si trasforma presto nella prima esperienza lavorativa per i dieci ragazzi e ragazze che compongono il cast. Alla conduzione, per la prima volta in questo ruolo, Matilde Gioli. Tutti questi progetti mostrano sulla carta una notevole ricchezza dello storytelling italiano che si vuole affacciare in un contesto competitivo e internazionale. Una offerta sempre più ricca e articolata che sicuramente fornirà a noi tutti spettatori qualche chiave inedita e divertente di racconto.

FONTE:

https://www.netflix.com/it/