ROSSO SCARLATTO il nuovo libro di Davide Baroni | di Caterina Civallero

0
222
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
ROSSO SCARLATTO, il nuovo libro di Davide Baroni:

“Un’improvvisa bufera di neve. Un castello isolato.

Dieci persone, rinchiuse sotto lo stesso tetto, ognuna con un segreto inconfessabile. E poi una lunga catena di omicidi compiuti sulla base di un’assurda filastrocca che ritorna ossessivamente, un incubo dal quale è impossibile uscire.

Tutti sono potenziali assassini. Tutti potenziali vittime.

Un’ incredibile indagine a ritroso nel tempo, alla ricerca del Santo Graal, tra società segrete, pergamene in codice, cavalieri templari e un insolito Dante, membro della confraternita dei Fedeli d’Amore.

L’arcano si nasconde nella Lunigiana Storica, crocevia di popoli, una terra che da molti secoli custodisce il Sangue di Cristo: l’importante reliquia che nasconde un segreto millenario in grado di sconvolgere il destino del mondo.

Entra anche tu nel castello assieme ai protagonisti per scoprire la verità. Ma attento! E non fidarti di nessuno!”.

Ciao Davide, benvenuto e grazie per aver accettato il mio invito. Alcuni nostri lettori ti conoscono già ma a chi ancora non ha letto i tuoi libri o le tue interviste come ti vuoi presentare? Chi è Davide Baroni scrittore e ricercatore indipendente?

Principalmente sono una persona curiosa che vuol conoscere l’origine e la storia dell’umanità. Per farlo rivolgo spesso la mia attenzione al lavoro di ricercatori indipendenti liberi da dogmi e senza preconcetti. Amo poi riportare quanto scoperto dagli studiosi nei miei romanzi per poterlo condividere con i miei lettori.

Come nasce la tua passione per questo tipo di scrittura? Ci racconti come hai iniziato e quando hai capito che amavi scrivere?

La mia passione è nata dalla voglia di conoscenza e di ricerca. La mia carriera di scrittore non è iniziata presto, ma attorno ai 40 anni. Questo perché la vita mi ha trascinato lungo un percorso che non era il mio. Poi ho capito che solo se ci prendiamo del tempo per riflettere su chi siamo veramente, possiamo imboccare la strada più consona al nostro essere. La mia storia insegna che non è mai troppo tardi per farlo.

Tornando al titolo dell’intervista, sono curiosa di sapere quanto tempo ci hai messo a scrivere il tuo nuovo libro. Creare un giallo usando dieci diversi personaggi è un’impresa titanica degna di un grande autore.

Per scrivere Rosso Scarlatto ho impiegato quasi due anni. La maggior parte del tempo l’ho dedicata allo studio e alla ricerca di fonti che potessero dare credibilità a quello che, ci tengo a precisare, non è un testo di pura fantasia. Altra cosa che caratterizza il mio romanzo è lo schema utilizzato: dieci persone racchiuse in un luogo dal quale non possono uscire per colpa di un imprevisto evento atmosferico, schema che ho ripreso dal best seller di Agatha Christie Dieci piccoli indiani. E non rimase nessuno. L’assassino, infatti, uccide facendo riferimento alla filastrocca che ritroviamo nel libro della famosa giallista inglese, ma con un finale completamente diverso.

Sei al tuo quinto libro e immagino che, involontariamente, qualcosa delle tue storie precedenti abbia condizionato in qualche modo la tua nuova opera. La mia intuizione è corretta?

Intuizione corretta. Pur essendo le mie opere indipendenti l’una dall’altra, dando così la possibilità ai lettori di non dover seguire un ordine di lettura, c’è un filo conduttore che li unisce ed è la ricerca di una storia dell’umanità alternativa a quella che ci hanno sempre raccontato.

Chi sono i destinatari di Rosso Scarlatto? A quale tipo di pubblico è rivolto?

A tutte le persone curiose che vogliono conoscere versioni diverse della storia dell’umanità, in questo caso specifico della storia del Graal. Non pretendo di avere la verità in tasca, anzi dubito sempre di chi dice di possederla. Quello che il lettore leggerà sono soltanto delle ipotesi alternative che possono però dare l’input a un’indagine personale sulla materia in questione.

Una domanda difficile Davide: perché i lettori di MobMagazine dovrebbero comprare «Rosso Scarlatto»?

Per leggere una versione alternativa sulla storia del Graal e dei Templari; per “incontrare” un Dante insolito e membro dei Fedeli d’Amore, una confraternita che in pochi conoscono; per trovare stimoli e iniziare una ricerca personale del Graal. Per chi fosse interessato a ricevere una copia autografata, può contattarmi attraverso Messenger sia sul profilo personale che sulla pagina Facebook.

Qui puoi acquistare il libro online.

Hai in programma un calendario di presentazioni per incontrare il tuo pubblico?

Sì, a partire da giugno partirò con le presentazioni, ma non ho ancora fissato tutte le date. Appena sarà pronto metterò il calendario sul mio blog e sulla mia pagina Facebook in modo da informare i miei lettori.

Come vuoi concludere questa intervista e cosa vuoi dire ai nostri lettori?

Vorrei concludere ringraziandoti per questa intervista e per dire a tutti di leggere il più possibile, perché solo chi legge può vivere più vite.

La mia pagina autore

I MIEI CONTATTI:

https://www.facebook.com/davide.baroni1/

https://www.facebook.com/davidebaroniscrittore

https://davidebaroniscrittore.com/

https://www.youtube.com/channel/UCDNCDWDhQ7I4UMRu0mHYnnQ

Articolo di Caterina Civallero

Conosci la Sindrome del Gemello?

I miei corsi

I miei libri

https://www.facebook.com/caterina.civallero.5

https://caterinacivallero.com

https://caterinacivallerofeaturingmarialuisarossi.com

https://www.facebook.com/c.civallero/

https://www.facebook.com/amapola.caterinacivallero/

https://www.facebook.com/psicobiogenealogia/

https://www.facebook.com/civallero.caterina/

https://www.facebook.com/ilmiogemellomainato/

Pagina Instagram: @Caterina_Civallero

http://linkedin.com/in/caterina-civallero-8556b8186

Twitter @CATERINACIVALL1

Previous articleAccordo tra la Concertgebouw Jazz Orchestra e l’Orchestra Jazz Siciliana
Next articleQuando il trucco cela l’insicurezza | di Daniela Cavallini
Caterina Civallero, già coautrice con Maria Luisa Rossi dei tre saggi sul tema de La Sindrome del gemello intitolati Il mio gemello mai nato (Uno Editori 2018), Modalità gemellare (Uno Editori 2019) e Doppi per essere unici (Amazon 2020) scrive da circa quindici anni articoli, racconti, interviste, recensioni, saggi. Nella primavera del 2019 esordisce in campo narrativo con Amapola e la finestra magica − favola per grandi che vogliono crescere; a luglio e settembre dello stesso anno pubblica Figli della terra − Il canto di Nosy Be e Madagascar − un viaggio per liberare due cuori, tutti pubblicati con Amazon e consolida la straordinaria passione che ha dedicato per anni alla scrittura come gosthwriter. Attraverso il percorso olistico, negli anni, ha integrato le sue conoscenze scientifiche e letterarie con le più importanti tecniche di apprendimento evolutivo al fine di creare metodi divulgativi semplici e diretti. È Consulente alimentare, Facilitatrice di Psicogenealogia junghiana e sostiene attraverso i suoi Corsi di scrittura consapevole gli scrittori che desiderano realizzare il sogno di pubblicare un libro. Organizza e conduce seminari e percorsi individuali per favorire la diffusione di un messaggio semplice e fruibile orientato alla gestione dell’alimentazione, della scrittura alchemica e dell’apprendimento delle tecniche di psicobiologia per ottimizzare l’integrazione dei propri talenti. Nel 2020 durante il lock-down ha aiutato, in soli 40 giorni, dieci donne che si sono conosciute su Facebook a correggere, impaginare e pubblicare DONNE e un filo di Seta − dal Social al libro, un progetto editoriale firmato Rosanna Fabbricatore. A luglio 2020 pubblica lo storytelling dal titolo Certe cose capitano solo a te. Nel mese di agosto con Alessandro Zecchinato pubblica Realizzo il mio sogno − Creo Scrivo Pubblico per coinvolgere le persone che desiderano pubblicare un libro in un percorso didattico dinamico e strutturato. A settembre 2020 pubblica Un sorso e un morso, un libro straordinario, ironico e innovativo sull’alimentazione consapevole. Nel mese di ottobre 2020, insieme a Maria Luisa Rossi e Davide Baroni, già autore di Exodus – Il segreto di Mosè – (Lalli Editore 2015) e di Figli delle stelle (Booksprint 2019) pubblica, con la prefazione di Mauro Biglino, La porta d’oro – L'origine dell’immortalità. A dicembre 2021 pubblica, con Alessandro Zecchinato, Lo sviluppo quantico delle parole il libro perfetto per chi desidera ottenere il massimo risultato dalla propria modalità comunicativa; il testo è un ottimo compendio per i corsi di scrittura. Ad aprile 2022 pubblica Clessidre senza sabbia − Sopravvivere all'anoressia un libro che tratta un tema complesso e delicato affrontato in due parti: una narrativa, basata sulla storia di Alice Perdoncin; l'altra, rivolta alle soluzioni terapeutiche. Collabora con piattaforme on-line dedicate a cultura, spettacolo e società: su www.mobmagazine.com cura la rubrica intitolata Sotto palese copertura; scrive inoltre su www.fattitaliani.it e www.5wagora.com.