Concerti: Symphonic Tales Palermo” al Real Teatro Santa Cecilia | Mercoledì 11 maggio ore 21:00 | Ingresso libero sino ad esaurimento posti

0
313
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Con lo spettacolo Symphonic Tales Palermo insieme quattro Istituzioni per un viaggio musicale. L’Institut Français, il Goethe-Institut, il Conservatorio Alessandro Scarlatti e la Fondazione The Brass Group. 11 maggio ore 21.00 – Real Teatro Santa Cecilia. Ingresso libero sino ad esaurimento posti

Foto Susanne Blumenthal © Volker Beushausen

Symphonic Tales Palermo è uno spettacolo unico che raggruppa ben quattro Istituzioni per un viaggio in musica. Un’importante iniziativa dell’Institut français Palermo e del Goethe-Institut Palermo, realizzata nell’ambito di KULTUR ENSEMBLE Palermo, il programma di residenza artistico franco-tedesco, nato dalla rafforzata cooperazione tra Goethe-Institut Palermo e Institut français Italia, cui si aggiungono le collaborazioni tra il Conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo e la Fonazione The Brass Group. In scena il prossimo 11 maggio alle ore 21.00 al Real Teatro Santa Cecilia, fino ad esaurimento dei posti, il quintetto jazz del musicista francese Samy Thiébault, la direttrice d’orchestra tedesca Susanne Blumenthal e il Conservatorio Alessandro Scarlatti, già Vincenzo Bellini, di Palermo saranno riuniti in un workshop, per creare una nuova versione originale e più estesa di quest’opera. Symphonic Tales Palermo è un viaggio artistico nella creolizzazione di vari generi del XX secolo. Symphonic Tales ha debuttato all’Opéra de Rennes nel 2019 e nasce dall’incontro tra la musica classica francese del XX secolo e il jazz modale degli anni ’60. Convinto dello stretto dialogo tra questi generi, Thiébault ha voluto creolizzarli in un incontro tra un quintetto jazz e un’orchestra sinfonica. Estimatore della grande tradizione musicale classica italiana, Thiébault propone qui una rilettura della sua opera, pensata e rielaborata appositamente per Palermo, con la partecipazione dell’orchestra degli allievi del Conservatorio di Palermo preparata da Ottavio Marino, il suo quintetto jazz e sotto la direzione di Susanne Blumenthal in collaborazione con il Dipartimento Jazz del Conservatorio coordinato da Riccardo Randisi. La residenza e il workshop che anticiperanno il concerto, mirano a promuovere lo scambio tra artisti francesi e tedeschi e le istituzioni didattiche locali, i conservatori e le accademie musicali siciliane. Sul palco dello storico teatro Samy Thiébault Quintet: Samy Thiébault, sax tenore, composizioni e arrangiamenti, Adrien Chicot, pianoforte,  Felipe Cabrera, contrabbasso, Philippe Soirat, batteria, Mosin Kawa, tabla, Orchestra giovanile del Conservatorio “Alessandro Scarlatti” di Palermo,  a cura di Ottavio Marino, Direzione d’orchestra Susanne Blumenthal.

GLI ARTISTI

Nato in Costa d’Avorio, il sassofonista e compositore Samy Thiébault si è formato al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi (2008). Lì ha assorbito tutto: John Coltrane, che rimane uno dei suoi riferimenti principali, ma anche musicisti più accademici dell’inizio del XX secolo. La triade Ravel-Debussy-Fauré ha ispirato molti jazzisti modali, poiché essi stessi non erano insensibili alla musica modale tradizionale e ai ritmi indiani.

L’album “Blues For Nel” è uscito nel 2004, seguito da “Gaya Scienza” nel 2007, e “Upanishad Experiences” nel 2010, “Clear Fire” nel 2013. Con “Feast of Friends” nel 2015 è tornato alle origini della sua passione per la musica, esplorando tra gli altri il repertorio dei The Doors.”Rebirth” nel 2016 è stata l’occasione per lavorare e registrare con il trombettista Avishai Cohen. L’album è stato nominato “miglior album Jazz dell’anno” dalla stazione radio Fip. Il successo dell’album ha portato a spettacoli in tutta la Francia (Olympia, Café de La Danse, Festival de Marciac tra gli altri) e all’estero. Il quartetto Samy Thiébault ha girato l’Italia in quest’occasione, nell’ambito di Francia in Scena, essendo Palermo una delle tappe della tournée. Il 2018 ha visto l’uscita di “Caribbean Stories”, un album costruito come un viaggio soggettivo attraverso i Caraibi. L’album ha riscosso un forte consenso di critica e pubblico, vincendo il premio “Album Tout Monde” nel 2018 per TSF Jazz. Dopo aver sperimentato ritmi più lenti e intimi per “Caribbean Stories , “Symphonic Tales” è stata l’occasione per il quartetto di confrontarsi con la composizione orchestrale e un quinto musicista, Mosin Kawa, suonatore di tabla. L’album è nato dalla collaborazione con l’Orchestra Sinfonica della Bretagna ed è stato registrato sotto la direzione di Aurélien Azan Zielinsky. È stato nominato miglior album alle “Victoires du Jazz” 2020.

Nel 2021 Samy Thiébault ha esplorato ulteriormente il concetto di “creolizzazione”, lavorando per l’album “Awé” con i migliori artisti della diaspora cubana.

“Symphonic Tales Palermo” apre un nuovo capitolo di sperimentazioni. A Palermo il quintetto riunisce Samy Thiébault (sax tenore, composizione e arrangiamenti), Adrien Chicot (pianoforte), Felipe Cabrera (contrabbasso), Philippe Soirat (batteria) e Mosin Kawa (tabla).

 

Susanne Blumenthal è una delle direttrici d’orchestra più versatili della sua generazione. Si esibisce con il suo ensemble MAM.manufaktur für aktuelle musik in numerosi festival come Donaueschinger Musiktage, Ferienkurse di Darmstadt, ECLAT, Acht Brücken Colonia, pgnm Festival Brema, klub katarakt Amburgo, così come il Festival internazionale Mixtur Barcellona, Festival de Música Contemporánea Oviedo, Society for Contemporary Music Seoul e in numerosi paesi del Sudest asiatico. Ha lavorato con compositori come Helmut Lachenmann, Hans Zender, Nicolaus A. Huber, Friedrich Cerha, Johannes Kalitzke, Mark Andre, Georges Aperghis, Simon Steen-Andersen, Beat Furrer, Oxana Omelchuk, Gordon Kampe, Ying Wang, Vito Zuraj e molti altri. Susanne Blumenthal vanta inoltre collaborazioni con Ensemble Modern, Ensemble Musikfabrik, Ruhr Piano Festival, Acht Brücken di Colonia, Schauspiel di Francoforte, Teatro Civico di Münster, Filarmonica di Colonia, Orchestra Sinfonica di Bochum, Radio Nazionale Tedesca e altri. È la direttrice artistica dell’orchestra da camera eos, con la quale esplora i confini tra la nuova musica improvvisata e il jazz, ed è ospite di numerosi festival come il Moers Festival, il Bonn Jazz Festival e la Triennale di Monheim. Avendo studiato originariamente direzione corale, ha passato anni a dirigere numerosi cori, tra cui il Coro Filarmonico di Bochum. È stata borsista dell’International Ensemble Modern Academy e della Bergische Symphony Orchestra. Susanne Blumenthal è stata insignita nel 2021 del titolo di Professoressa per l’interpretazione e la pratica d’ensemble Nuova Musica presso l’Università di Musica e Danza di Colonia.

INFO:

www.susanneblumenthal.com

Infoline Fondazione The Brass Group:

091 778 2860

334.7391972

info@thebrassgroup.it

www.thebrassgroup.it

fb fondazionethebrassgroup