Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
    

Fabio Ceraulo, palermitano, ha sempre vissuto nella sua città, dove ha conseguito la maturità classica. Ha lavorato nel settore turistico per anni. Si è sempre dedicato alla scrittura pubblicando diversi libri tra cui, il più recente, nel dicembre del 2020 intitolato “El Diablo” (Le Mezzelane Editrice), presentato anche al Salone del libro di Torino.

Dopo aver letto El Diablo, c’è chi lo ha trovato un romanzo molto “cinematografico”. Di certo, ne verrebbe fuori un thriller accattivante.

Se dovessi scegliere gli attori del film sapresti già chi sono? E la colonna sonora?

La realizzazione di un film tratto dalle mie pagine sarebbe un eccezionale punto d’arrivo. Mentre scrivevo, in effetti, immaginavo che faccia potesse avere Silvia Romano o altri caratteri del romanzo. Tra le giovani leve, la mia attrice italiana preferita è Sara Serraiocco, abruzzese, già vincitrice di vari premi. Il suo volto semplice e pulito sarebbe perfetto per la protagonista. Per il “cattivo” andrebbe bene Enrico Lo Verso, Riccardo (l’amico di Silvia) potrebbe avere il volto di Filippo Scicchitano, un altro giovane attore molto bravo. Le musiche andrebbero dai cori polifonici del sedicesimo e diciassettesimo secolo, di compositori come Giovanni Palestrina o lo spagnolo Salazar, per le parti ambientate in quel periodo. Per le scene moderne, brani di Bjork, Cranberries e Garbage. Sarebbe bello, in fondo sognare non costa nulla.

Se il tuo libro fosse una canzone o una colonna sonora quale sarebbe?

Una canzone che potrebbe rappresentare il film è Wicked Game di Chris Isaak, un “gioco perverso” che nel brano si riferiva a una storia d’amore tormentata, nel romanzo è tutta la trama che è un tormento, sia per la protagonista che per gli altri personaggi coinvolti. Tra l’altro è uno dei miei brani preferiti.

Se il tuo libro fosse un aforisma, quale sarebbe?

Il passato, anche se remoto e lontanissimo, prima o poi torna di sicuro.

Se il tuo pubblico fosse fatto di adolescenti in quale figura si rivedrebbe?

Non è facile per me rispondere a questa domanda. La speranza è che un adolescente possa rivedersi in Silvia, la protagonista, o nel suo amico Riccardo. Più che per i personaggi in se, nei valori di coraggio, lealtà e passione che li accomuna.

E un adulto, invece?

Vale lo stesso concetto per la domanda precedente, forse nell’ispettore Savarese, per il profondo senso di legalità che lo contraddistingue, unito alla tenacia.

L’ispettore, l’anziano massone, la protagonista…Quale tra questi o altri, senti essere più tuo come personaggio?

Quando ho scritto il romanzo, per il quale ho impiegato circa un anno, mi sono divertito a creare i vari personaggi prendendo anche esempi dalla realtà e dalla quotidianità che mi circonda, un espediente che uso quasi sempre per semplificare i caratteri e rendere più “veri” i protagonisti. Ad esempio, per descrivere un antiquario che ha un particolare “tic” nervoso, mi sono rifatto a un tale che aveva lo stesso disturbo, conosciuto tanti anni fa. Ho sentito molto “mio” il personaggio di Silvia, credo che mi somigli molto, non che io sia un genio come lei in qualche materia particolare, ma di certo se mi appassiona un certo argomento, mi piace studiarlo attentamente e saperne parlare. E poi, sono un po’ pigro e sbadato come lei.

Fabio Ceraulo e la casa editrice, cosa ti lega alle Mezzelane?

Pur essendo una casa editrice delle Marche, si appassionarono alla storia di “El Diablo” a tal punto da proporre un contratto editoriale prima di altri. La cosa mi incuriosì e credo di aver fatto una buona scelta, il mio libro, grazie a loro, gira parecchio per le fiere italiane e soprattutto, mi hanno dato l’opportunità di presentarlo al Salone del Libro di Torino nell’ottobre dell’anno scorso. Un’esperienza gratificante, per chiunque scrive.

Fabio, dalle ultime battute del libro si intuisce che il finale è aperto, prevedi ci sia un seguito?

Non ci sarà un seguito come storia, ma ho un nuovo romanzo, ancora da rivedere e definire, in cui lei tornerà e avrà a che fare con una indagine del passato remoto che rischierà di travolgerla. Spero che sia anche questo accattivante e ricco di suspence, tuttavia ci vorrà tempo, perché la mia prossima pubblicazione sarà un romanzo storico ambientato nella Sicilia dell’Ottocento.

Contatti

Su Facebook: Fabio Ceraulo – Le cose che scrivo

Eventi

Dovrei presentare “El Diablo” a Settembre, a Palermo, nell’ambito di una manifestazione culturale, la cui data è ancora da definire.