“Il pittore Fred Bugs” | di Meri Lolini

0
421
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Facciamo due chiacchiere con Fred Bugs. E’un giovane artista, che vive a Bosa in provincia di Oristano. Lui disegna da quando era piccolo, ha iniziato con proiezioni con chiusure appuntite che poi ha aggiunto a figure fantasiose di derivazione surrealista ed urban.Ci racconti qualcosa della sua arte e delle tecniche usate.

Mi chiamo Federico Cabras, il mio nome d’arte è Fred Bugs. Ho iniziato a disegnare a scuola, durante quel periodo non avevo nessun artista come riferimento. Disegnavo, o per meglio dire, ricoprivo i miei quaderni di forme a punta unite ed intrecciate alla meglio, che potessi fare. Col tempo ho iniziato a migliorare la mia tecnica, aggiungendo figure di fantasia ed  immaginazione provenienti da mondi e pianeti sconosciuti. Infatti se avrete sentito parlare di me, avrete visto almeno una volta i draghetti disegnati in giallo e a volte in rosso oppure i mutanti a forma di X nella parte superiore…o le particolari figure astratte, che ricordano degli uccelli. Ogni mio disegno riguarda uno stato d’animo diverso, come  la tristezza,la  curiosità,lo stupore,la felicità ed anche la rabbia. Gli strumenti che uso per disegnare sono i pastelli, colori acrilici, matita o penna su carta cartoncino. Usufruisco del programma Canva, che mi aiuta a realizzare dei contenuti divisi con la collaborazione di altre persone, con svariati modelli si può  dare vita a nuovi progetti.

Fred è un grande estimatore di Keith Haring. Lui trascendeva i mezzi espressivi tradizionali e dava sfogo al suo inesauribile estro artistico in qualsiasi elemento che avesse a portata di mano. Le sue opere si trovano tracciate su muri come anche in carrozzerie di automobili ed in teli di vinile ed anche in capi di abbigliamento. Il suo modello era:” arte per tutti”, così metteva le sue opere a disposizione nelle strade come la metropolitana di New York  in contrapposizione ai musei ed alle gallerie. Quale paragone farebbe con la sua espressione artistica?

Keith Haring è tutt’ora uno degli artisti di strada più conosciuti ed apprezzati del mondo e lo si deve proprio alla sua immediatezza espressiva ed alla semplicità figurativa dei suoi disegni ricchi di grandi messaggi umani. Mi ispiro molto al suo stile artistico. In passato negli anni 70_ 80 durante il periodo di attività di Haring, molti mercati, gallerie e mostre d’arte si interessavano a lui. Nonostante la popolarità da artista pop affermato, Haring si fidava di poche persone nel mondo dell’arte, sapeva bene che era solo una questione di interesse economico e sapeva bene, che non si sarebbe mai arricchito con essa. Oggi con Internet puoi prendere strade diverse, hai molte più opportunità spesso gratuite, in più bisogna dire purtroppo che oggi è cambiato l’interesse verso l’arte e verso gli artisti e le loro storie. E’ tutto molto più scontato, automatico e privo di significato. Prima c’era molto più interesse, anche solo nel conoscere la biografia dell’artista, ancora prima di vedere i suoi disegni.

La sua arte è anche ispirata  da Umberto Boccioni, che è un pittore e scultore nato nel 1882. Lui collaborò con Filippo Tommaso Marinetti alla stesura del Manifesto tecnico del Movimento Futurista (1910) e poi nel 1911 al Manifesto dei pittori futuristi. Il suo obiettivo era di liberarsi dai modelli e dalle tradizioni figurative del passato, per potersi orientare al mondo contemporaneo sicuramente più dinamico, vivace ed in continua evoluzione. Può riallacciarsi con le sue opere a questo artista del secolo scorso?

Il modo con cui creo forme e ambienti appuntiti uniti tra loro, si ispira tantissimo all’arte dei futuristi, che è un arte decisamente particolare ed avanti, che voleva essere appunto viva, ribelle rispetto agli standard espressivi dell’epoca. Boccioni mi ha sempre ispirato soprattutto per il suo reinterpretare in modo astratto i luoghi e gli ambienti urbani dell’epoca.

Joan Miró è l’altro importante artista, che viene riportato nella sua biografia. Lui in età avanzata accelerò il suo lavoro, creando ad esempio centinaia di ceramiche, tra cui i Murales del Sole  e della Luna presso l’edificio dell’UNESCO a Parigi, dedicandosi anche a pitture su vetro per esposizione. Disegnò anche il manifesto ufficiale del campionato mondiale di calcio 1982  tenutosi in Spagna. Ci può parlare dell’importanza che ha avuto nella sua arte lo studio  di Joan Mirò ?

Mirò ha influenzato completamente il mio modo di disegnare, lui era un genio totalmente creativo. In vita mia non ho ancora avuto la possibilità di visitare una sua mostra.Il suo modo di disegnare e il l’uso dei colori accesi e meno accesi nei suoi quadri ha creato un linguaggio artistico totalmente personale e di ispirazione non solo per me, ma per tantissimi artisti astratti. Potrei parlare di un milione di pitture astratte di Miró, ma erano tutte perfette.

Quali sono i  suoi progetti futuri e dove si possono ammirare le sue opere ?

La mia arte è presente in tantissime mostre e gallerie  online, ma il sito social dove puoi trovare la maggior parte dei miei lavori è pinterest. Al momento non ho altri social, che uso in ambito artistico. In futuro vorrei continuare a sperimentare figure sempre più nuove e fantasiose non mi pongo mai troppi obbiettivi, che magari non posso mantenere. Faccio arte in primi, perché mi piace quello che faccio, mi fa stare bene e mi piace mostrare online solo messaggi positivi su di me e su quello che realizzo.. per chi sa coglierli.

Ringrazio  Fred Bugs  per  questo incontro e consiglio ai lettori di cliccare su questo link per poter visitare questa galleria virtuale,  per poter ammirare le sue opere.

 

https://pin.it/3otJzmm

 

 

 

 

 

 

Previous articleConcerti: gli Standards Jazz con Kate Worker per Spasimo 2022 | 20 agosto ore 21.30 – Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo
Next articleSpettacoli: “L’ultimo uomo sulla terra” al Teatro Agricantus di Palermo il 27 agosto 2022 ore 21:30
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono dieci ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Nel 2020 " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Settembre 2021 il romanzo "LA LAMA" edito da CTL Libeccio Edizioni. Settembre 2022 è stato pubblicato il libro "Ti racconto una storia" sempre con CTL Libeccio Edizioni. Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani ed interviste a vari artisti. Meri Lolini https://www.amazon.it/s?k=meri+lolini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref=nb_sb_noss https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428