Il predestinato vince! | di Riccardo Massenza

0
409
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

7 settembre 2019, Monza

Giorno delle qualifiche:

«ok Lewis, P1 per il momento. Tempo: 1:19.346, ottimo lavoro»

«stiamo aspettando che Leclerc finisca il giro…»

«settore 1 viola… si sta migliorando nel secondo settore… è all’ultima curva…»

Charles Leclerc conquista la sua quarta pole position, qui a Monza! Fantastico lavoro da parte del ferrarista: 1:19.307. Domani partirà davanti alle due Mercedes e al suo compagno di squadra. Potete sentire i tifosi già festeggiare!

«sfortunatamente Leclerc è riuscito a prendere la pole»

«per quanto?»

«39 millesimi»

«***** *****! Eravamo così vicini!»

«il passo gara è buono, Lewis. Non preoccuparti. Domani ci giochiamo le nostre chance»

«ok… comunque gran lavoro ragazzi. Andiamo a prenderlo in gara!»

Questo weekend non è stato il migliore: quanta fatica durante le prove libere di venerdì e sabato per colpa dell’assetto non ottimale.
Oggi, poi, in qualifica non abbiamo raggiunto la prima posizione per pochi centesimi di secondo.
La Scuderia sta facendo veramente di tutto portando nuove migliorie alla vettura. Pensano in questo modo di non farci vincere a casa loro, davanti ai loro Tifosi…

Come biasimarli? Avremmo fatto lo stesso anche noi a Silverstone.
Sto lottando per il mio sesto titolo mondiale ma, con l’arrivo di questo giovane “Charles Leclerc” l’impresa sembra diventare più impegnativa.

Durante tutta la stagione la Ferrari è stata competitiva e quel ragazzo mi ha messo in difficoltà.
Quel Charles non mi piace. Non so perchè, non mi piace e basta.

Se è riuscito a guadagnare la pole position è solo grazie alla sua auto e dubito che il risultato di oggi sia puro talento.
Se il mio giro è stato più lento del suo è solo perchè la mia macchina non è alle sue massime capacità.

Diranno che la mia è invidia? Perchè lui guida per il team più prestigioso di sempre. Io non ho mai avuto questo privilegio. Quanto sciocchezze scrivono! La Mercedes negli ultimi 5 anni ha dominato e tutti sanno che è migliore della Ferrari… giusto?

Tutti i grandi piloti della storia della Formula 1 hanno però guidato per la Rossa: Michael Schumacher, Ayrton Senna, Alain Prost, Fernando Alonso, Sebastian Vettel.
Perchè non hanno chiesto anche a me di guidare per la quella scuderia?

La Ferrari sembra diffondere così tanta passione nelle persone anche se non vince un mondiale da ormai 12 anni.

Come può quell’antica fiamma rimanere ancora accesa? Perchè i fan italiani invece non simpatizzano per noi che stiamo vincendo e non sono stanchi di tifare per un team perdente?

Giorno della gara:

8 settembre, Monza

Tutti i Gran Premi che ho disputato qui in Italia sono stati caratterizzati dal caldo. Anche questo non è da meno: la temperatura dell’aria segna 30 gradi circa e quella dell’asfalto sfiora i 50.

Sarà difficile oggi preservare i pneumatici, specialmente con le difficoltà che la nostra macchina ha riscontrato nelle prove di ieri. Per non parlare poi dello sforzo fisico: sto sudando e non siamo ancora partiti.

Rannicchiato vicino alla mia macchina ascolto la musica con le cuffie. Il rock mi dà la carica giusta prima della partenza.
Guardo l’orologio. È tardi. devo prepararmi.

Salgo in macchina. Tuta, casco, auricolari. Sono pronto.

«radio check»
«forte e chiaro»
«ok Lewis, cerca di mettere più pressione possibile su Leclerc fin dalle fasi iniziali della gara»
«contaci!»

Partiamo per il giro di formazione. Davanti a me la Ferrari non sembra voler scaldare le gomme anzi sembra voler iniziare la gara il prima possibile a giudicare dalla velocità.
Ci sistemiamo nelle nostre caselle di partenza. Siamo pronti. Vedo negli specchietti che le ultime macchine sono giunte in posizione. Si parte…

Giro 1:
Aspettiamo la bandiera verde… ci siamo. Si attivano i semafori: Uno… due… tre… quattro… cinque… parte il Gran Premio d’Italia. Buono spunto di Charles, ottimo anche quello di Lewis Hamilton che si sta avvicinando alla Ferrari…

Più reattivo di Leclerc allo spegnimento dei semafori, ho una possibilità di affiancarmi alla Rossa: mi sposto verso destra, ma lui si accorge presto del mio intento di affondare la staccata all’interno della prima variante e così mi chiude la linea.

Vedo nel frattempo il mio compagno di squadra che cerca di provare un attacco dall’esterno. “Cosa stai facendo!?” penso, “Non è questa la nostra gara! Non possiamo perdere del tempo a combattere tra di noi!”.

Riprendo però subito la calma e cerco di difendermi: lascio che lui mi si affianchi. Nel momento della staccata avrò la linea interna, quindi la migliore, e, come prevedo, gli starò davanti. Il tentativo di sorpasso da parte di Bottas, nonostante sia durato poco, mi è costato comunque 3 decimi dal leader della Ferrari. Leclerc sta già volando via.

Giro 12:

Siamo ormai ad un quarto di gara. La Ferrari sembra allontanarsi di qualche decimo ogni giro. Sono un po’ sorpreso considerando che il distacco da Leclerc ieri era solo qualche centesimo di secondo. Avranno modificato l’assetto, trovandone finalmente uno impeccabile?

«nessuna informazione su Leclerc?» chiedo al mio ingegnere, Bono.

«al momento niente Lewis, ti terrò informato»

«pensiamo di optare per il piano B, piano B»

«ricevuto»

«gap da Leclerc: 1.2 secondi»

Maledizione! Ha perfino gli pneumatici hard, mentre io ho le gomme medium. Come fa ad allontanarsi così velocemente? Avrà forse una migliore gestione delle gomme di noi? Inizio già a sentire la macchina faticare nella variante Ascari (curva 8-9-10) e nella parabolica (curva 11).

Vedo inoltre una striscia nera nella parte interna del pneumatico anteriore destro, penso sia del graining. Questo spiega perchè sto perdendo terreno su Leclerc.

Giro 23:

«ok Lewis, Leclerc si sta lamentando sul degrado delle gomme posteriori»

«ricevuto»

Mi ero reso conto di quello che mi scandiscono nelle orecchie. Il distacco da lui si sta riducendo e lo vedo scodare in trazione all’uscita delle curve da ormai un paio di giri.

Inoltre sembra che il graining si stia ripulendo. Le mie prestazioni stanno ritornando nella norma e sono molto più a mio agio di prima nell’auto.

«gap da Leclerc: 0.6 secondi»

Perfetto! Ho un’uscita migliore dalla parabolica rispetto a lui. Con la scia e il DRS mi avvicino sempre di più…

Hamilton si sposta all’esterno di curva 1 per tentare un sorpasso sulla Ferrari, ma Charles Leclerc prende rapidamente la traiettoria di gara e Lewis non riesce a passare.

Non importa. Ho ancora un’uscita migliore dalla prima variante e adesso si presenta un’altra grande possibilità alla Roggia (per i lettori si tratta di curva 4-5).

Hamilton è incollato. Leclerc e Hamilton percorrono insieme la Curva Grande. Mentre la Ferrari è all’interno, l’inglese si sposta verso l’esterno provando un affondo ma viene forzato fuori dalla pista! Questa mossa gli è costato un secondo circa.

«non mi ha lasciato il giusto spazio e mi ha spinto fuori!»

«abbiamo visto Lewis, lo stiamo segnalando ai commissari di gara…»

«bandiera bianco-nera per Leclerc, ripeto bandiera bianco-nera»

«questo è quello che ti meriti quando non lasci spazio *****»

«modalità motore “13 on”, “13 on”. Prova a vedere se riesci ad avvicinarti meglio così…»

«ricevuto»

Giro 36:

«non funziona»

«ok, hai già provato modalità motore “15”?»

«già fatto»

«uh… modalità “9”?»

«sì! Non riesco ad andare più veloce. Mi serve la mappatura “4”!»

«uh… ricevuto Lewis. Pensiamo che non sia possibile: è una mappatura troppo aggressiva sulle componenti del motore»

«volete vincere questa gara o no!? Mi serve la mappatura “4”!»

Per adesso nessuna risposta.

Fortunatamente, prima che questa conversazione prenda una brutta piega, vedo che sto guadagnando terreno su Leclerc e posso pensare ad un attacco.

«gap da Leclerc: 0.8 secondi»

Neanche con il DRS sembro avere grandi possibilità di passar… Ha bloccato in curva 1! È la mia occasione!

Oh! Bloccaggio per Leclerc nella prima variante! Taglia la curva ma ha comunque perso un’enorme quantità di tempo.

Sono vicino questa volta. Vicinissimo…

Hamilton è incollato a Leclerc: vanno entrambi verso la Roggia. In quale direzione Lewis ha intenzione di spostarsi? Prova l’esterno ma Leclerc lo blocca. Prova allora l’interno, ma gli viene presto bloccato anche quello. La Ferrari sta rendendo la vita molto difficile ad Hamilton andando a zig-zag…

«Veramente? Come dovrei passarlo se continua a guidare così in modo così pericoloso?»

«stiamo vedendo Lewis…»

Giro 40:

«gap da Leclerc: 1.0 secondi»

*****! È più veloce di noi. La gara è quasi finita e sembra che la mia macchina non riesca a tenere il suo passo.

Dietro di me, a circa un secondo di distacco, c’è il mio compagno di squadra con gomme nuove e sicuramente più performanti. Se ci scambiassimo le posizioni e provasse lui a passare la Ferrari? Potrebbe funzionare… Ma devo essere bravo a non renderlo evidente.

«non riesco a passarlo» con questo messaggio in codice il mio ingegnere sa già cosa ho intenzione di fare.

«ricevuto, aspetta il segnale»

Giro 42:

«gli pneumatici sono ormai finiti. Non ho più gomma» altro messaggio in codice per cercare di convincerlo a scambiare le posizioni…

«ricevuto, cerca di tenere alta la pressione e di fargli commettere un errore»

Ecco il segnale! In curva 1 blocco volontariamente le gomme anteriori, facendo passare Bottas.

Hamilton blocca! E deve passare così dalla via di fuga. Ha perso la posizione sul suo compagno di squadra. Gli è costato molto questo errore!

Ok Valtteri, vai a prenderlo!

Giro 50:

Il gap tra Leclerc e Bottas è sceso fino a 0.6 secondi. Vanno insieme verso curva 1. Quello che Bottas deve fare è… Oh no!… evitare di bloccare come ha appena fatto! Gli serviva una buona uscita da quella curva e poi avrebbe avuto la sua possibilità. Il distacco è ora salito a 1.4 secondi.

Nulla da fare per la Mercedes. Con 3 giri al termine della gara molto probabilmente non riuscirà più a ricucire il distacco da Charles Leclerc…

Giro 53:

Potete già vedere le celebrazioni iniziare sulle tribune di curva 11… Mercedes ce l’ha messa tutta per fermarlo, ma lui ha resistito. Il predestinato vince, il Gran Premio di Italia! Dopo nove anni la Ferrari torna sul gradino più alto del podio! A casa nostra!

«bandiera a scacchi… ed è P3, P3»

«ottimo lavoro, abbiamo preso il punto addizionale del giro veloce»

«grazie a tutti. Valtteri è riuscito a passarlo?»

«no Lewis, negativo»

«peccato, accontentiamoci del secondo e terzo posto»

Il giorno dopo:

Ho dovuto ricredermi sul talento di quel ragazzo. Ha guidato come un campione: si è difeso con destrezza ed è stato più veloce di noi tutti in pista. Mi sbagliavo. Charles ha stoffa, non mi stupirei se tra qualche anno dovessimo giocarci il mondiale fra noi due.

Potrebbe essere divertente. È un gran pilota e oggi è riuscito perfino a mettere in difficoltà me, più di quanto altri miei avversari abbiano fatto in passato.
Ha solo 21 anni, ma sembra avere l’esperienza di un veterano. Sono sicuro che fra non molto vincerà un mondiale.
La Ferrari è un grande team, con ingegneri in gamba e ha tutte le carte per poter farlo diventare un grande pilota di Formula 1.