Fondata a Roma l’“Accademia Italiana d’Arte e Letteratura” (AIDAL)

0
131
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

L’Accademia Italiana d’Arte e Letteratura, senza fine di lucro, è stata fondata al fine di valorizzare la vera arte e la migliore letteratura italiana moderna e contemporanea.

Si perora la promozione del patrimonio culturale e artistico italiano, che può divenire anche il fulcro dell’economia nazionale. Il terzo settore potrebbe assurgere a volano dello sviluppo dello Stato: in particolare il turismo colto crea un ineludibile indotto che può implementare il reddito collettivo.

L’Italia è un’esile striscia di terra in posizione geografica unica, raccordo e crocevia tra l’Africa, l’Oriente e l’Europa e vanta i tre quarti del patrimonio archeologico e culturale del Mondo.

L’Italia enumera l’arte classica, quella romana, quella etrusca, l’arte medievale, quella gotica, quella barocca, quella rinascimentale, i macchiaioli, i divisionisti, i futuristi. Poi il niente?

Bisogna uscire dalla depressione creativa e dalla soggezione nei confronti dell’arte americana oltreoceano e tornare ai fasti del passato e della tradizione.

Molti dei siti culturali italiani sono abbandonati o poco incensati o in rovina. I Musei hanno nei loro depositi opere inutilizzate che potrebbero ben riempire almeno altrettanti siti visitabili.

Inoltre, per paradosso, visto lo snobismo di alcuni operatori museali nei confronti della migliore arte contemporanea, agli artisti viventi viene sistemicamente interdetta la chance di esporre in luoghi pubblici a vocazione culturale. I viventi, per non parlare dei giovani talenti, per esporre le loro creazioni devono passare raminghi da persone che, sfruttando il loro naturale desiderio di esibire il prodotto dell’ingegno, chiedono denaro.

Abbiamo assistito negli ultimi decenni a una sorta di inganno: l’osservatore o il lettore non sarebbero in grado di valutare da soli un’opera d’arte e quindi occorrerebbe una mediazione da parte di critici, galleristi, intermediari, curatori, affaristi…fino a un indegno mercimonio. Tutti hanno diritto a una retribuzione se lavorano ma non esiste più chi si occupa davvero della promozione dei migliori artisti, tranne un manipolo di eccezioni in Italia.

Inoltre lamentiamo l’immobilismo del mercato dell’arte. Le migliori librerie tendono a chiudere.

Vittorio Sgarbi e Francesca Romana Fragale_xx

Occorre riportare l’arte italiana alla libertà espressiva per indurre direttamente l’osservatore o il lettore acritico a un moto di stupore emotivo al fine di premiare lo slancio creativo puro, dettato da una sincera e genuina ispirazione. Ma l’afflato creativo deve avere come substrato una buona tecnica.

L’Accademia intende criticamente vagliare il ruolo dell’arte prestampata che arreda e gli scimmiottamenti dell’arte di oltreoceano per tornare a una identità artistica italiana spendibile anche all’estero, come prodotto di punta. L’Accademia intende valorizzare il ruolo del disegno e della storica tradizionale tecnica pittorica e di scrittura. Da quando si è passati al computer si è creata una sorta di illusione per la quale per scrivere un libro sia sufficiente sapere digitare. Ma possedere una tastiera non automaticamente significa potere scrivere un saggio o un romanzo.

La tecnica è imprescindibile medium della creazione artistica.

L’Etica applicata all’Arte consiste proprio nel non cedere agli inganni dei plagi, all’assenza di curiosità, alla carenza di umiltà intellettuale che obbliga moralmente al continuo studio e approfondimento.

Quanto alla pittura, dopo la rivoluzione operata nel 1400 con l’avvento della pittura ad olio, “le scoperte di Newton sui colori delle luci dello spettro solare nel 1700, fino agli impressionisti e ai divisionisti, che avevano compreso che fosse l’occhio umano a sintetizzare la varietà delle sostanze colorate”(dal noto “Manuale di pittura” di Franco Fragale) bisogna aspettare il 1950 per avere una nuova rivoluzione tecnica. Il premio Nobel per la chimica Giulio Natta ideò le resine sintetiche dalle quali nacquero i colori acrilici.

Questo ha comportato, stante la “duttilità dei nuovi mezzi”, a illudere che sia facile eseguire un’opera pittorica, inducendo taluno a trascurare i cardini della tecnica che ci sono stati tramandati nei secoli.

Quanto alla scultura, la persistente immutata peculiarità tecnica ha ridotto il numero degli artisti. Da lamentare una scarsa originalità nella scelta dei soggetti e un cedimento verso le installazioni, tanto di moda quanto lontane dalla nostra cultura.

Quanto alla fotografia, appare evidente che il facile utilizzo di strumenti quotidiani quali i telefoni cellulari che consentono anche la modificabilità di un prodotto divenuto alla portata di chiunque, abbia trasformato il settore, lasciando in una nicchia i pochi veri artisti.

I maestri Effettisti Jose’Dali’, Mattia Fiore e Elvino Echeoni

Etica, Tecnica, Studio e Originalità costituiscono il substrato ideologico e logico di ogni creazione dell’Uomo che possa assennatamente essere definita artistica.

Ambiamo al rafforzamento dei legami culturali con gli italiani all’estero.

Il nostro sodalizio propugna contatti relazionali con i Musei, gemellaggi con riconosciute organizzazioni che vantano impegno decennale in ambito culturale: l’Accademia è gemellata con la Confassociazione International presieduta da Gianni Lattanzio e l’Associazione I,XII,XVIII, presieduta da Antonio Di Lauro.

La corrente pittorica contemporanea riconosciuta è L’Effettismo, ideata con copyright dal Maestro Ing. Franco Fragale.

Si avvale del titolato ausilio di Mobmagazine.it, rivista online di arte e cultura, con il Dott. Andrea Giostra responsabile del marketing e della cominicazione.

L’Accademia si impegna alla scoperta e valorizzazione dei talenti contemporanei e giovanili.

Organizza corsi di disegno, pittura e scrittura creativa.

Conferisce sostegno a movimenti letterari e correnti pittoriche contemporanee.

La selezione delle candidature degli aspiranti Membri dell’Accademia viene effettuata o tramite l’iscrizione alla mostra collettiva annuale o tramite l’invio di foto di opere (almeno c10) e dei testi dattiloscritti via mail che verranno precipuamente valutati dalle apposite Commissioni dell’Accademia. Dopo la cernita si potrà divenire “Membro dell’Accademia d’Arte e Letteratura” e, previo versamento della quota d’iscrizione, si parteciperà alla cerimonia annuale concomitante alla esposizione nella quale si verrà proclamati ufficialmente Membro e verrà permesso l’uso del titolo.

Gli artisti stranieri sono ammessi come Membri Onorari.

È costituito l’organo della “Consulta dell’Accademia Italiana d’Arte e Letteratura” con compiti propositivi e consultivi. Presidente della Consulta è il Pres. Dott. Mario Bresciano.

Ne fanno parte persone che siano distinte nel mondo culturale italiano.

Sono previste le Sezioni di Arte Sacra, la Sezione Giovani, la Sezione Pittura, la Sezione Scultura, la Sezione Fotografia, la Sezione Disegno, la Sezione Musica, la Sezione Tutela dei dialetti regionali, la Sezione Romanzi, la Sezione Novelle, Racconti e Racconti brevi, la Sezione Poesia.

È costituito il “Consiglio Direttivo”. Risultano nominati i membri delle Commissioni per le selezioni.

La sede centrale è a Roma, in via Germanico.

Il Presidente

Dott. Avv. Francesca Romana Fragale

Autoritratto di Francesca Romana Fragale

INFO E CONTATTI:

Pagina Facebook Ufficiale:

https://www.facebook.com/accademiaitalianaarteletteratura

WhatsApp e Tel:

+39 328 3356326

e-mail:

francescarfragale@icloud.com