“E’ un prezzo troppo alto” | di Meri Lolini

0
382
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

E’ un prezzo troppo alto ! Questa è la frase che leggiamo e sentiamo dire molto spesso nei vari TG e durante i tanti programmi di informazione. E’ un prezzo troppo alto che tutti dobbiamo pagare come conseguenza di scelte poco oculate come quelle energetiche e quelle sociali. In queste settimane tutti stiamo ricevendo le bollette delle utenze sia di luce che di gas ed a parità di consumi i costi sono lievitati in maniera esponenziale e per tante famiglie sono insostenibili. Tante sono le attività sia artigianali che imprenditoriale che hanno intenzione di chiudere, lasciando a casa tanti lavoratori. Questa frase può essere anche la considerazione delle conseguenze su tutta la popolazione del mondo delle guerre in atto,di come saranno portate avanti e quali armamenti saranno impiegati. E’ sempre un prezzo troppo alto, che stiamo pagando nei luoghi di lavoro, contrattualmente sempre più precari e troppo spesso con misure di prevenzione e di protezione delle fasi lavorative inadeguate. L’Osservatorio Mega Engineering  di Mestre ha comunicato che sono 569 i lavoratori, che hanno perso la vita da Nord a Sud del Paese da gennaio a luglio 2022, con una media di 81 morti sul lavoro ogni mese. In questo consuntivo è stato preso in esame anche il numero delle denunce di infortuni totali al luglio 2022, che sono 441.451 e sono aumentate del 41% rispetto al mese di luglio 2021. Anche questo è prezzo troppo alto per avere un salario per vivere. Stiamo vivendo un periodo di grandissima precarietà sia lavorativa che sociale. Ogni giorno ci sono notizie di omicidi con prevalenza di femminicidi, che spesso sono vissuti fino al momento estremo in modo isolato dalle vittime di queste violenze. Troppi sono i nostri ragazzi che vivranno con ricordi inquietanti ed esposti a gravi conseguenze. Anche questo è un prezzo troppo alto da pagare ed anche questo è un tema da affrontare e cercare di valutare e possibilmente risolvere. Tanta è la buona volontà e l’impegno che mettono le tante associazioni così come le tante imprese sia artigianali che più grandi per cercare di mantenere e tutelare la  realtà sociale, ma serve anche tanta capacità e competenza da parte dei vari Stati di tutto il mondo perché ognuno di noi sia un cittadino del Mondo con tanta tolleranza e tanta capacità di confronto e non di scontro. In questa settimana in Iran è stata uccisa una ragazza ventiduenne, perché seconda la polizia morale non indossava correttamente il velo( l’hijab). Sono iniziate le proteste delle donne  nel Rojhelat, il Kurdistan iraniano da dove veniva Amini ed in tutto il paese. Per solidarietà a questa protesta è stata promossa un’iniziativa dalla Triennale di Milano, che è stata replicata dal Maxxi di Roma e l’Amministrazione comunale di Firenze ha aderito il 2 ottobre con due eventi in Piazza Santa Maria Novella e l’altro in Piazza Sant’Ambrogio ed è stato possibile lasciare una ciocca di capelli, per unirsi simbolicamente alla pacifica lotta delle donne iraniane e dimostrando solidarietà a questo tristissimo fatto. Il taglio di capelli è una vecchia cerimonia usata in Iran come segno di lutto e quindi il taglio della ciocca di capelli è stata la partecipazione al lutto della ragazza uccisa. Anche questo è un prezzo troppo alto,  che l’umanità paga non avendo un confronto salutare con religioni diverse.  L’obiettivo dei cittadini del Mondo è quello di vivere in pace, cercando di confrontarsi e non di prevaricarsi, arricchendosi così di una conoscenza complessa, che favorisca l’esprimersi a tutti nel rispetto di tutti.

 

 

 

 

Previous articleIl WWF celebra Sebastiano Tusa. Contro la pirateria archeologica nel Mediterraneo
Next articleA caval donato… | di Maria Rosa Bernasconi
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono dieci ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Nel 2020 " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Settembre 2021 il romanzo "LA LAMA" edito da CTL Libeccio Edizioni. Settembre 2022 è stato pubblicato il libro "Ti racconto una storia" sempre con CTL Libeccio Edizioni. Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani ed interviste a vari artisti. Meri Lolini https://www.amazon.it/s?k=meri+lolini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref=nb_sb_noss https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428