MASSIMO PANESE: pittore di stile e sensualità|INTERVISTA di Monica Isabella Bonaventura

0
197
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Massimo Panese è un pittore realista che vive a Presicce in Puglia, si esprime attraverso i colori e le figure femminili regalandone style e sentimentalismo.
Le protagoniste dei suoi ritratti, di uomini ce ne sono pochissimi, sono tutte donne forti dallo guardo imperturbabile e spesso penetrante, sempre realizzate con colori vivaci e dinamici a volte cupi e profondi. Sono immagini affascinanti e intriganti, in grado di comunicare una forte sensualità ed erotismo.

-Ben arrivato Massimo fra i nostri lettori e grazie per dedicarci del tuo tempo prezioso. Sei un pittore pugliese, la tua terra, il tuo paese Presicce, è ricco di meraviglie e di storia, dai capolavori architettonici ai scenari autentici con colori coinvolgenti della campagna stessa. Quando hai sentito l’esigenza o ti sei sentito predisposto a dipingere? Qual’è quindi il tuo primo ricordo di voler essere artista, o la tua formazione?
Prima di tutto vorrei ringraziarti Monica, per questa opportunità. C’era mio zio che dipingeva, io avevo sette anni all’epoca. Mi mettevo affianco a lui e lo guardavo dipingere su quella tela per ore. Mi entusiasmava guardare i colori vivi che apparivano sulla tela e sentire l’odore della pittura. Un giorno ho deciso di provare a disegnare dei fumetti su fogli ed ero felice di riuscire a creare qualcosa di tutto mio. A dodici anni ho comprato la mia prima tela, ed ho incominciato a dipingere i miei primi paesaggi. E da lì ho proseguito da autodidatta.

-La tua pittura è sicuramente realista, circondata dal mondo femminile, pertanto carica di fascino, charme e quasi desiderio dei sensi.  Cosa ti porta a dipingere la sensualità e come trovi le tue modelle?
Un giorno, me ne stavo in spiaggia, e guardandomi intorno ho visto una donna sdraiata sulla sabbia, il suo corpo era così sensuale. Gli chiesi se potevo farle un ritratto, ovviamente con una foto. Iniziai a dipingere ogni curva di questa donna e capii che questo era quello che avrei dipinto anche in future. Ma all’epoca, non essendoci, internet, compravo riviste per adulti. Per me dipingere la sensualità è appoggiare il pennello sulla tela e creare ogni curva della donna. Nei miei quadri, mi piace creare, quel desiderio velato, del “vedo e non vedo”. E colgo l’occasione di ringraziare le modelle, per le loro foto e soprattutto, per la loro gentilezza.

-Come prepari la prima fase del tuo lavoro, osservarvi le modelle, disponi con schizzi lo scenario e inizi a disegnare?
Io lavoro sempre con le foto, iniziando con la matita. Nella mia mente, il dipinto è già concluso.

-L’arte ha la capacità e la forza di immortalare. Sei soddisfatto di dare un’eternità alle tue modelle, che sia non soltanto estetica ma anche di turbamento per la bellezza che per il fascino?
Certo, l’arte ha la capacità di immortalare, ma a questo punto bisognerebbe chiedere alle modelle. Ma presumo di si.

-Le tue figure, le tue modelle, si esprimono attraverso le pose, i gesti, il corpo. Qual è il messaggio che intendi comunicare, quello di una donna libera dallo preconcetto di vivere la vita e se stessa con superbia o una donna che gioca tra il divino e l’erotismo?
Il messaggio che do tramite le mie opera, è che la sensualità e l’erotismo si può dipingere senza essere volgari. Perché non mostrare alla gente con pregiudizi, il corpo di una donna? Questo è quello che voglio far vedere nelle mie mostre, una donna libera nella sua nudità, senza essere volgare.

-Si sa che stiamo passando un periodo difficile, socialmente, fra gli artisti si percepisce una forte pressione a riguardo. Pensi che l’arte ne abbia e ne stia risentendo? Secondo te questo può essere definito un tempo di riflessione, o un’urgenza di espressione e intersecazione?
Certo, l’arte ne sta risentendo con questi tempi duri, ma secondo me noi artisti dobbiamo andare avanti per alleggerire questo periodo difficile, e per liberare la mente anche solo per un attimo

-Nel mondo artistico da un po’ di tempo sono avvenuti importanti cambiamenti. Come vivi tutto questo e in che modo ha influenzato il tuo lavoro di artista?
È difficile stare al passo con tutta questa tecnologia e con le varie tecniche di pittura. Sono stato influenzato anche io da tutto ciò, dando ai quadri nuove tecniche senza mai cambiare il mio modo di esprimere.

-Quale valore dai all’arte e come può un artista procedere nella società contemporanea?
Grazie alle piattaforme social del momento, un artista può farsi conoscere più facilmente. Grazie anche al nostro territorio che offre a noi artisti la possibilità di fare le mostre.

-Hai nuovi progetti creativi?
Si, mi piacerebbe espandere le mie opera in altri paesi, e perché no, aprire anche una galleria d’arte.

-Dove possono i nostri lettori trovare le tue opere?
Le mie opere, attualmente, si possono trovare su Facebook e Instagram con il nome di Massimo Panese. Presto però, aprirò il mio sito internet.

Grazie per il tuo tempo.
Maestra d’Arte Monica Isabella Bonaventura

Previous articleIl libro: Le Novelle brevi di Sicilia | Recensione di Alberto Raffaelli, ideatore e autore di “Segnalazioni letterarie” e del suo Bollettino
Next articleBarbara Gaiardoni, Pedagogista e Love Writer | INTERVISTA
Nata in provincia di Venezia, da sempre ho la passione per l'arte in modo particolare per la pittura, il design di arredamento e la decorazione d'interni. Sono una Maestra d'Arte in Arte Applicata e in Architettura e Arredamento, subito dopo il diploma ho lavorato per alcuni studi di architettura come disegnatrice, realizzando progettando arredamenti anche per conto proprio e restauri di edifici d’epoca. Neo diplomata entro a far parte di un centro culturale artistico conoscendo alcuni artisti, ed approfondisco la tecnica della serigrafia e litografia, acquisendo esperienza. Successivamente insegno educazione artistica e storia dell’arte, per poi essere inserita in un laboratorio per scenografie di teatro come pittrice e designer. Nel contempo creo e idealizzo alcune vetrine per negozi, dando un’immagine innovativa e curata, anche nel disegnare abiti per una sartoria. Studiando arte mi interesso alla pittura astratta e contemporanea, all'impressionismo astratto, ed inizio a sperimentare la pittura d’azione “action painting” su grandi tele, realizzando quadri su commissione e su misura, integrandoli ad ogni arredamento iniziando a farmi conoscere come Artista. A seguito di un concorso pubblico entro a far parte di una Amministrazione Pubblica occupandomi di cartografia e foto aeree del territorio. Tra il 1998 e 2001 frequento alcuni corsi annuali di psicologia e sociologia infantile, ed uso la mia esperienza come Artista di pittura astratta, per far apprendere su alcuni corsi per bambini la "pittura d'azione”, organizzando anche corsi d' arte e di riciclo creativo, insegnando diverse tecniche d'arte in alcune scuole e privatamente (dal trasferimento d’immagine al decoupage, dallo stencil al decapè, dal collage, alla pittura al cesello), ed è così che ha inizio, la mia ricerca sul riciclo creativo, dando uno sguardo e senso al riuso degli oggetti che si gettano quotidianamente, e in poco tempo mi faccio conoscere come Artista creativa e vengo invita a presentare quest'arte in seminari ed eventi riguardante l'argomento; da questo nasce l’idea di concretare quest’arte con Fare & Rifare, esponendo le mie creazioni, dagli oggetti ai gioielli. Idealizzo e curo la realizzazione di Mostre-Eventi Internazionali d’Arte per una illustre Galleria d'Arte di Venezia e in occasione dei 1600 anni dalla fondazione della Città di Venezia nel 2021, riesco ad ottenere il logo ufficiale dal Comune di Venezia per una Mostra importanti di cui ho collaborato. Organizzo mostre-mercati ed espongo come Artista del proprio ingegno creativo con le mie creazioni di oggetti. Da qualche anno scrivo recensioni artistiche per artisti conosciuti e non, italiani e stranieri, per poi cooperare all’esecuzione di un libro come tecnica alle immagini e mappe antiche e supporter grafica all’impaginazione. Sono stata intervistata su alcuni emittenti radiofoniche e TV (Tele Venezia, TG PoliCinema, Storie live su Radio di Tele Venezia e Radio Veneto) come pittrice, artista del riciclo creativo e arredatrice, conferendomi il titolo di Eccellenza Veneta, e da una nota Critica d’Arte dei salotti Artistici di Roma (3 minuti d’arte) su You-Tube e vari social, e successivamente ancora intervistata e resa pubblica la mia intervista su diverse riviste d’Arte: MobMagazine – Fatti Italiani, Scrivoline e su Verona Sette. Vengo premiata come creativa e pittrice di Arte astratta e con una Menzione Speciale (Premio Veneto Arte – Assoc. OltreArte) con una mia opera, da una importante Storica e Critica d’Arte durante l'esposizione alla Biennale delle Ville Venete. Sempre alla ricerca d' innovazioni, d' imparare e di mettermi alla prova, ho partecipato e partecipo a diversi concorsi di letteratura, poesia, fotografie e pittura, ottenendo premi a livello nazionale e internazionali facendomi notare da alcune gallerie di città italiane importanti; partecipo a progetti d'arte con altri artisti e giornalisti stranieri e alcune mie opere diventano copertina di alcuni libri di poesie di un noto regista italiano. Da un po’ di tempo vengo richiesta come modella per opere d’arte dalla pittura alla scultura, e come indossatrice per alcuni negozi di abbigliamento, sono stata selezionata come "volto" per una Comunità in un Concorso Nazionale e ancora selezionata da una nota Agenzia pubblicitaria e testimonial con la mia immagine su prodotti cosmetici. Ho esposto ed espongo su importanti gallerie d’Arte di città Internazionali e italiane: Madrid, Lisbona, Parigi, Atene, Calcutta, Yerevan - Birmania, Miami, Russia, Roma e prov., Firenze, Milano e prov., Matera, Padova, Venezia e prov., Vicenza, Parma, Genova e su alcuni Comuni di Venezia e Padova, la maggior parte presentate dallo Storico e Critico d’Arte prof. Giorgio Gregorio Grasso e dallo Storico Prof. Vittorio Sgarbi, dove certi miei quadri e oggetti sono stati inseriti su aste. A seguito di un Concorso Internazionale di pittura contemporanea vengo selezionata da un importante Storico e Critico d’Arte Prof. Giorgio Gregorio Grasso, ad esporre delle mie opere alla Mostra Internazionale: “Lo stato dell’Arte al tempo della 58’ Biennale di Venezia”, per poi essere ancora scelta ad esporre su Gallerie importanti di Milano e Matera, Biennale di Atene, Biennale di Armenia e Biennale Ville Venete. In contemporanea con la Mostra del Cinema del 2019 vengo selezionata per rappresentare il cinema dei primi anni del ‘900 e subito dopo scelta dall’Associazione Vitaru di nazionalità Russa con un’opera contro la violenza sulle donne e l’opera viene inserita in una pubblicazione d’arte. Ho partecipato ad un concorso internazionale di pittura "Marc Chagall" nel 2018 e vengo selezionata con 4 mie opere e inserita in un volume d'arte "LimeraMente", successivamente nel 2022 con il concorso internazionale di pittura Frida Kahlo. Altre mie opere sono state scelte per essere presentate dallo Storico e Critico d’Arte su TV Sky e partecipo a varie iniziative di beneficenza con alcune mie opere presentate dallo stesso Critico Arte e presentate sui social e su rivista d’arte. Varie mie opere sono state scelte e pubblicate su volumi d'arte come La Divina Commedia edito dall'Istituto Nazionale della Cultura, e sui social con relative critiche da parte di storici e critici d'arte. All'interno dello spazio artistico live-art realizzato da Artaxy durante il Mestre Carnical Street Show del 2019, mi cimento nella creazione di un'opera dal vivo, imprimendo con energia i tratti distintivi del mio stile, e riportato l'evento in prima pagina su rivista d'arte vedendomi protagonista. Ho partecipato ad un corso della lingua dei segni (LIS) e faccio parte di diverse associazioni culturali, dalla musica alla pittura. A settembre 2020 mi sono candidata alle elezioni politiche come Consigliera alla Cultura della mia città ed ora collaboro per eventi culturali e artistici. In occasione della giornata contro la violenza sulla donna, il 25 novembre 2021 sono stata invitata come Artista Contemporanea al Museo del '900 a Venezia Mestre per parlare sull'argomento. Sono Redattore di una mia Rubrica d’Arte “MonicArte” su Mobmagazine e Redattore su "Il quotidiano dell'arte" e manager di un personaggio pubblico. Curo e organizzato Mostre-Evento Internazionali d'Arte e stò progettando un corso pedagogico d'arte per bambini con la pittura d'azione per strada e per una associazione per bambini down della mia città. Vengo notata da un importante critico d’arte, scrittore e giornlista il quale mi dedica un articolo su una rivista d’arte “Polis” definendomi “Artista della Materia”. Scelta a marzo del 2022 da una Associazione Culturale – Centri Studi Nazionale per le Arti e la Letteratura in qualità di giudicatrice per un concorso artistico letterario “Perdersi nell’amore”. Nominata ad aprile 2022 Ambasciatrice itaiana in Pakistan della Cultura e dell’Arte dall’Istituto della Cultura e Arte pakistana, proseguo poi come rappresentante dell’Arte italiana per il progetto Coreano “MinAri” che vede 11 artisti selezionati da vari Paesi del mondo.