Teatro: “Me_Dee”, 7 e 8 ottobre ore 18:00 al Castello di Mardolce di Palermo | Regia di Giuseppe Massa, scene e costumi di Linda Randazzo

0
557
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Il teatro come strumento di inclusione sociale. Formazione, creazione, socialità, ricerca e valorizzazione delle periferie… questi gli obiettivi che Me_Dea Project intende raggiungere attraverso i tre laboratori (recitazione, scenografia e comunicazione) previsti dal progetto. Le periferie al centro, si riparte da lì. Parco MareDolce di Brancaccio.

Il Progetto condurrà alla messa in scena dello spettacolo Me_Dee. La tragedia, dopo alcuni laboratori e atelier realizzati a Palermo, è stata riscritta dalla poetessa e scrittrice di origini somale Ubah Cristina Ali Farah e dall’autore e regista Giuseppe Massa.

Lo spettacolo sarà realizzato e messo in scena da una compagnia MULTICULTURALE formata da giovani segnalati dai servizi sociali, immigrati e attori professionisti.

Me_Dea Project è finanziato Ministero della Cultura ed è realizzato in collaborazione col Comune di Palermo – Area delle CulturE, la Città Metropolitana di Palermo e il Museo Internazionale delle Marionette.

Me_Dea Project

Sutta Scupa, Ministero della Cultura,

Città Metropolitana di Palermo, Assessorato al Turismo Sport e Spettacolo –Regione Siciliana, Assessorato alle CulturE – Comune di Palermo,

Vrije -Università di Bruxelles, CEREP-Centro di Insegnamento e Ricerca di Studi Postcoloniali – Università di Liegi, Numbi Arts London,

Opera Circus Company, Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, Consulta delle Culture – Comune di Palermo,

Centro Astalli, Associazione UN.I.S., ATS Parco di Maredolce, Sartoria sociale Alreves, APS Terrebuone,

in collaborazione col Prof. Salvatore Tedesco (coordinatore DAMS di Palermo)

Me_Dee

di Ubah Cristina Ali Farah e Giuseppe Massa 

regia Giuseppe Massa

con Elena Amato, Valentina Apollone, Antigone Appia, Gabriele Cicirello,

Tamara Godunova, Queen Igbinigie, Sofia La Licata, Valeria Sara Lo Bue,

Paolo Mannina, Anita Yao

scene costumi Linda Randazzo

luci Vincenzo Cannioto

suono Giuseppe Rizzo

maestro puparo Gaetano Lo Monaco Celano

movimento Chadli Aloui

assistente alla regia Giovanni Fardella

comunicazione Meryem Amato

aiuto scenografo Athnasuos Abdalla

assistente alla produzione Elena Amato

Giuseppe Massa

NOTE

Me_Dee affronta la tragedia di Euripide attraverso il multilinguismo e la multiculturalità. Questa riscrittura è infatti il risultato di alcuni laboratori in cui hanno partecipato attivamente rifugiati, immigrati, attori e studiosi di teatro. Ciò ha permesso di porre in evidenza tutti i richiami alla contemporaneità presenti nell’opera euripidea. Si è optato per una messa in scena minimale caratterizzata dalla contaminazione culturale e dall’uso del colore giallo e delle sue infinite sfumature, una sorta di amplificazione visiva ispirata alla ricerca del vello d’oro raccontata nel mito di Medea e la pittura vascolare dell’antica Grecia. La nostra Medea è una straniera tradita, frammentata, emarginata, violata dal suo uomo e dalla cultura occidentale, esplode e si rimaterializza assumendo la forma di un coro di Medee; quasi a voler sottolineare la pochezza di Giasone al cospetto della complessità della protagonista e in generale dell’universo femminile. Le parole di Euripide sono dunque a volte risuonate mentre la scena si riempiva di burka dorati e microfoni neri:Io lo scudo in guerra imbracciare vorrei prima tre volte,  che partorire anche una sola”

BIO

La compagnia esordisce con lo spettacolo omonimo che debutta nel 2006 al Rialto Sant’Ambrogio di Roma. La pièce attraversa prestigiose vetrine del teatro italiano e internazionale. Due momenti di SUTTA SCUPA vengono inseriti da Wim Wenders in The Palermo Shooting, il testo è Finalista ai Premi Ubu 2006. Nel 2008 debutta al Festival delle Colline Torinesi RINTRA ‘U CUORI(a Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti), poi inserito all’interno del Festival dell’Unione dei Teatri d’Europa svoltosi in Romania. Successivamente la compagnia collabora con l’UTE alla produzione di CHI HA PAURA DELLE BADANTI? che debutta alla Schauspielhaus di Graz e vince il premio “Miglior spettacolo 2014” al Festival Museo Fratelli Cervi di Gattatico. Nel 2016 vince il bando MigrArti indetto dal MiBACT e diventa compagnia multiculturale. Produce NEL FUOCO di Giuseppe Massa, ORLI di Tino Caspanello e ANTIGONE POWER di Ubah Cristina Ali Farah. Debutta a Palermo con MIRACOLO, ospite di Primavera dei Teatri di Castrovillari e dell’Italian Focus svoltosi in Grecia. Nel 2019 coproduce col Teatro Libero di Palermo Contro il progresso di Esteve Soler per la regia di Massa e coordina con l’Università di Melbourne un workshop su Antigone Power realizzato presso l’associazione per donne rifugiate Wellsprings for women. L’anno scorso presenta a Palermo per il Prima Onda Fest Antigone Screaming.

INFO E CONTATTI:

prenota al:

+39 328 1994 475

https://swite.com/suttascupa

https://www.facebook.com/SuttaScupa