“Arbitrium a Firenze” | di Meri Lolini

0
305
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

In piazza San Lorenzo a Firenze è possibile ammirare questa statua  in resina veramente particolare, realizzata dallo scultore Emanuele Giannelli  .E’ un Gigante alto 5,40 metri  ed ha  un corpo con una forte tensione muscolare ed ammirandolo non si riesce a comprendere se stia sorreggendo oppure stia spingendo la Basilica di San Lorenzo. Lo scultore ha chiamato l’opera  Arbitrium, che in latino significa scegliere ed a suo avviso nella piazza non è la statua la protagonista, ma il passante che può scegliere di pensare che Arbitrium possa sorreggere o spingere la Basilica di San Lorenzo.La presenza di quest’opera a Firenze è stata promossa dall’Opera Medicea Laurenziana e dalla Parrocchia di San Lorenzo e sostenuta anche dalla Città di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee, è l’occasione per approfondire la conoscenza di quell’asse storica, artistica e culturale che unisce la famiglia dei Medici, Michelangelo, la Basilica di San Lorenzo e le città di Firenze e Seravezza. Questa statua è un’opera itinerante, infatti  fino a fine giugno 2021 si è appoggiato al Palazzo Mediceo di Seravezza, poi si è spostato a Pietrasanta, appoggiato al campanile del Duomo, poi al Duomo di Carrara, poi alla Chiesa di San Michele a Lucca. Alla   fine di aprile è stata a Milano, poi luglio e agosto a Forte dei Marmi e dal mese settembre è a Firenze. Ammirare questa statua ci fa sentire piccoli davanti a questa sua imponenza e questa sua potenza e penso che sorregga questa bellissima  Basilica di San Lorenzo sempre molto frequentata da turisti da tutto il mondo. L’azione di sostenere  voglio pensare che non sia solo un supporto materiale della struttura della Basilica, ma sia un sostenimento dei principi fondamentali  della fratellanza e della solidarietà che devono essere sempre vivi e presenti  nella nostra umanità. Questi sono gli elementi di forza perché tutti i popoli del mondo vivano in pace e come fratelli con tanta pluralità e tolleranza di credi diversi e strutture sociali varie. Sono convinta che è sempre più indispensabile credere di essere cittadini del Mondo che deve essere la patria di ognuno di noi e solo così è impensabile creare conflitti o sottomissioni in virtù di poteri contro l’umanità. L’azione di sostenere significa  che la persona non cada considerando che “la caduta” può essere intesa come una caduta a terra però può essere interpretata anche come una caduta morale oppure sociale. Troppe sono le persone che stanno perdendo il lavoro e tante sono le famiglie che non riescono e superare le difficoltà quotidiane come fare la spesa e questa tragedia della povertà e dell’abbandono deve essere affrontata facendo affidamento alla solidarietà mondiale e quella forza che ogni persona deve avere per scegliere la pace e la tranquillità del nostro Mondo per cooperare e affrontare insieme le difficoltà, che purtroppo si palesano diverse in epoche diverse. Crediamo nel simbolo, che ha questo Arbitrium nel sorreggere la nostra umanità.

 

 

 

 

Previous articleMaria Consiglia Alvino, scrittrice, poeta e docente di lettere | INTERVISTA
Next articleIl libro: La bella isola delle “Novelle brevi di Sicilia” | Recensione di Emanuela Maria Marrone
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono dieci ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Nel 2020 " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Settembre 2021 il romanzo "LA LAMA" edito da CTL Libeccio Edizioni. Settembre 2022 è stato pubblicato il libro "Ti racconto una storia" sempre con CTL Libeccio Edizioni. Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori italiani ed interviste a vari artisti. Meri Lolini https://www.amazon.it/s?k=meri+lolini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref=nb_sb_noss https://www.facebook.com/meri.lolini http://www.aracneeditrice.it/index.php/autori.html?auth-id=375428