NASCE «RISPIRAZIONI – MEDITAZIONI CONTEMPORANEE» TESTATA GIORNALISTICA E PROGETTO DI RICERCA CHE UNISCE ATTUALITA’ E YOGA, DIRETTA DA MARIO RAFFAELE CONTI

0
285
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Società, musica, ecologia, filosofia, serie tv, social, letteratura, cultura yoga e molto altro: il nuovo web magazine ha l’obiettivo di superare gli stereotipi della comunicazione e del mondo yoga, offrendo una lettura alternativa e consapevole del contemporaneo «Perché tutto non rimanga come prima» www.rispirazioni.it

«RISPIRAZIONI – MEDITAZIONI CONTEMPORANEE»

Con un Dna radicato nella comunicazione, nell’informazione e nell’autorevolezza delle fonti, nasce «Rispirazioni – Meditazioni Contemporanee», la nuova testata giornalistica diretta da Mario Raffaele Conti che recepisce e interpreta una chiara indicazione della società contemporanea, manifestamente orientata verso nuovi paradigmi di benessere psico-fisico, di sostenibilità e di spiritualità.

Fondata da un collettivo di autori affermati del mondo del giornalismo e dell’arte, «Rispirazioni – Meditazioni Contemporanee» rappresenta un’evoluzione della ricerca giornalistica nella direzione della ricerca individuale e riesce nell’obiettivo di leggere la trasformazione del sentire collettivo, integrando Attualità e Yoga come termini di un binomio oggi fondamentale.

Se definiamo l’Attualità – secondo i dizionari – come aspetto che riassume o rispecchia le caratteristiche e gli interessi del mondo contemporaneo, occorre guardare con attenzione lo spazio, importante, che lo Yoga occupa in esso. Infatti, nella sua evoluzione da tradizione millenaria Vedica a fenomeno globale, lo Yoga emerge con una portata rivoluzionaria che impatta sull’intera struttura della società. Da un punto di vista economico stiamo parlando di un boom mondiale da 60 miliardi di dollari (secondo le stime della piattaforma internazionale financesonline.com); da un punto di vista socioculturale parliamo di una diffusione senza precedenti di un movimento non-religioso, apolitico, di tale importanza da essere riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Lo Yoga è praticato da 200 milioni di persone diffuse in tutto il mondo ben oltre i confini dell’India, di tutte le età (35,2 milioni di adulti e 4,9 milioni di bambini e ragazzi negli USA secondo fonti CNN/CDC), di tutte le fasce sociali, economiche e culturali. In Italia sono oltre 2,5 milioni le persone che praticano questa disciplina, sia come pratica fisica, sia come ricerca interiore. I dati sono ovunque in crescita.

Ecco, dunque, che il binomio Yoga e Attualità richiede attenzione e un nuovo paradigma di comunicazione, legato alla realtà quotidiana e alla vita umana in tutti suoi aspetti, capace di leggere e interpretare le esigenze delle persone e la direzione verso cui si muove il mondo.

«Rispirazioni – Meditazioni Contemporanee» intende rispondere a questa necessità, colmando un attuale vuoto editoriale e culturale. Spingendosi ad usare un binomio cartesiano, fornendo ai lettori il trait d’union tra materia e spirito.

Non in competizione con le testate di settore dedicate allo yoga, né con quelle generaliste di informazione, «Rispirazioni.it» è il sito «che fa respirare la mente», come il nome vuole suggerire (fonte: http://www.rispirazioni.it/rispirazioni-cos-è). Il nuovo network offre spunti di riflessione e informazioni accreditate su temi importanti, molteplici e complementari del contemporaneo: società, ecologia, global warming, musica, letteratura, filosofia, storia, serie tv, benessere, psicologia. In questo contesto lo yoga è la lente con cui porre un nuovo sguardo – e un nuovo ascolto – verso ciò che ci circonda.

Così è possibile conoscere «Lo Yoga di Elisabetta», originale approfondimento ispirato alla serie tv

«The Crown» e tributo per la scomparsa della Regina; puntuale e innovativa la recensione sulla produzione musicale dei Beatles e di George Harrison nell’anniversario dei 60 anni dalla nascita della band; l’analisi sulla storia della Persia ci aiuta a comprendere le proteste delle donne iraniane e il taglio dei capelli come simbolo della lotta per la libertà «Woman Life Freedom»; in un’intervista podcast la dottoressa Licia Grazzi, Direttrice del Centro cefalee dell’Istituto Neurologico Besta di Milano, parla della meditazione come terapia per cefalee e ansia; non mancano i personaggi famosi, come la pianista internazionale Gloria Campaner, che racconta la matrice yogica del suo progetto artistico e divulgativo.

Sedici rubriche, undici curatori, tra i collaboratori voci note e voci emergenti capaci di dare impulso transgenerazionale a contenuti e linguaggi.

Tra le firme autorevoli quelle dei fondatori: Elia Perboni (ex «Corriere della Sera»), Franco Acquaviva (regista e critico teatrale), Riccardo Serventi Longhi (attore, regista, insegnante di Yoga), Guido Gabrielli (direttore di «Yoga Journal»). Direzione e coordinamento editoriale sono affidati a Mario Raffaele Conti, storica firma della carta stampata, ex caporedattore centrale del settimanale «Oggi», ora collaboratore di «Yoga Journal», ex speaker radiofonico su Radio Montecarlo, musicista, autore di libri, nonché insegnante di Raja e Hatha Yoga, che scrive: «Rispirazioni è un luogo aperto che risponde al bisogno di comunicare un modo diverso di vivere, di leggere, di ascoltare e di pensare, perché oggi abbiamo bisogno di nuove creazioni, di nuovi modi di intendere la vita e di guardare a noi stessi e alla realtà contemporanea».

L’estensione «Meditazioni Contemporanee» dichiara l’intenzione di superare omologazione e stereotipi che oggi influenzano il mondo della comunicazione e dello Yoga, con derive sterili da entrambi i lati: da un lato l’appiattimento di un sistema che tende a uniformarsi a un pensiero prevalente prediligendo la visibilità alla credibilità delle fonti; dall’altro l’interpretazione commerciale dello Yoga come contenitore per le più svariate “formule magiche” (yoga per le rughe, per dimagrire, per raggiungere la felicità, trovare il partner ideale, cambiare la propria vita, per avere successo).

Più di questo, lo Yoga oggi dimostra la validità scientifica dei suoi insegnamenti e diviene quindi un pilastro     per     affrontare     tutti     gli     aspetti     della     vita,     personale,     relazionale,     sociale.

È importante fornire strumenti nuovi e attuali per ampliare il dibattito e il senso critico dei lettori

– conclude il direttore Mario Raffaele Conti in questo senso Rispirazioni è un progetto di ricerca, utilizza una comunicazione multidisciplinare per contestualizzare nel mondo contemporaneo una filosofia millenaria, rimanendo fedele alla sua origine».

Social, podcast e video fanno del nuovo web magazine uno strumento flessibile, creativo e aggregativo, che si traduce anche in eventi dal vivo, partecipazioni a festival e concerti. Perché tutto non rimanga come prima.

I canali:

Website: www.rispirazioni.it Facebook: facebook.com/rispirazioni Instagram: @rispirazioni_

YouTube: youtube.com/channel/rispirazioni LinkedIn: linkedin.com/company/rispirazioni Twitter:@rispirazioni

Telegram: t.me/rispirazioni

www.rispirazioni.it GLI AUTORI

 «Rispirazioni – Meditazioni Contemporanee» è animato da un collettivo di intellettuali e ricercatori che scrivono senza scopo di lucro sotto la direzione editoriale e il coordinamento di Mario Raffaele Conti. A coordinare la sinergia tra i canali online e social c’è Francesca Amendola, sociologa digitale e web content creator. Il logo e la grafica sono a cura di Flavia Amendola.

I FONDATORI

 Mario Raffaele Conti

giornalista, autore, speaker radiofonico e insegnante di yoga

È stato speaker di Radio Montecarlo nel Principato di Monaco, cronista sportivo al quotidiano «La Notte» e caporedattore centrale di «Oggi». Attualmente lavora per il mensile «Yoga Journal», su cui cura la rubrica «La mia pratica» (con Elia Perboni) e scrive articoli legati alla cultura e alla spiritualità orientale.

Appassionato di Antropologia, ha svolto studi di Storia, Filosofia indiana, Scienze Politiche e Teologia della Riforma. È 1° Chieh di T’ai Chi Ch’uan (Scuola Chang-Dsu-Yao).

Ha conseguito il diploma di Insegnante di Yoga con la Federazione Mediterranea Yoga e ha studiato tra gli altri con il maestro Antonio Nuzzo, lo psicologo Willy Van Lysebeth, l’indologo dell’Università di Torino Gianni Pellegrini e la presidente dell’FMY Wanda Vanni.

Con Elia Perboni ha scritto «Yogananda mi ha cambiato la vita» (Ananda Edizioni, 2018) e «Pratiche quotidiane di felicità» (Morellini/Yoga Journal), le conferenze-spettacolo «Yogananda Revolution Experience» e «Pratiche quotidiane di felicità», e recita nella commedia «My Sweet George». È anche il curatore del libro di Antonio Nuzzo I doni dello yoga per praticare una vita piena (Morellini-Yoga Journal, 2019).

Su «Rispirazioni» cura la rubrica ORIZZONTI RITROVATI.

Elia Perboni

giornalista e autore

Ha cominciato nel 1976 con la pionieristica esperienza radiofonica delle prime “emittenti libere” (Free Radio e Radio Regione diretta da Mario Luzzatto Fegiz). Successivamente si è occupato di musica e spettacoli al

«Corriere d’Informazione» e dal 1979, per oltre trent’anni, al «Corriere della Sera».

Ha collaborato con diversi periodici e ha proseguito parallelamente l’attività radiofonica con Radiodue e Raistereodue. Dal 1980 ha realizzato inchieste televisive dedicate all’arte musicale per la neonata Rai 3 dalla sede di Milano.

Dal 1992 al 2004 è stato nella redazione di «TvSette», allegato del «Corriere della Sera».

È autore e curatore di alcuni volumi tra i quali il «Dizionario della musica pop-leggera italiana» (Gammalibri,1984) e «Settanta a settemila» con Pietruccio Montalbetti (2014).

Oggi è collaboratore di «Yoga Journal», su cui ogni mese cura con Mario Raffaele Conti la rubrica «La mia pratica». Con Conti ha scritto «Yogananda mi ha cambiato la vita» (Ananda Edizioni), la conferenza-spettacolo

«Yogananda Revolution Experience» e recita nella commedia «My Sweet George». Su «Rispirazioni» cura la rubrica MUSICA SENZA FRONTIERE.

Guido Gabrielli

direttore di Yoga Journal, editore e manager

Per anni Product manager del gruppo Rcs- Rizzoli, lavora in Italia, Germania, Francia, UK, interessandosi principalmente di musica Rock.

Fondatore di Pulsa Publishing, crea il mensile a fumetti per bambini «New Ort».

Si avvicina alla pratica dello yoga per motivi di salute e grazie a questa esperienza fonda «Yoga Journal».

Nel 2011 insieme a Mario Balsamo gira il docu-film «Noi non siamo come James Bond» e vince il Premio Speciale della Giuria del Festival Internazionale del Cinema di Torino presieduta da Paolo Sorrentino.

La sua passione e il talento musicale trovano spazio in «Rispirazioni», dove racconta cosa rende grande e ineludibile la musica.

Su «Rispirazioni» cura la rubrica ZILLASOUND.

Franco Acquaviva

regista, attore, drammaturgo e critico teatrale

Laureato con lode al DAMS dell’Università di Bologna con una tesi sul lavoro di Giuliano Scabia, si forma come attore al Teatro Ridotto di Bologna e con il gruppo internazionale diretto da Iben Nagel Rasmussen, attrice guida del celebre Odin Teatret di Eugenio Barba. Nel 1999 fonda il Teatro delle Selve assieme ad Anna Olivero.

Ha pubblicato saggi di teatrologia su diverse riviste specializzate, e ha curato il volume «Il Ponte dei Venti», ed. Il Battello Ebbro, Bologna, 2000.

È direttore editoriale della Collana di Teatro di Giuliano Ladolfi Editore per la quale ha curato e introdotto il volume di Laura Pariani «Il camminante e altri pezzi di teatro» e ha curato i volumi «Scena&Poesia I, II e III (2017-18-19)» che raccolgono i nove testi vincitori delle tre edizioni dell’omonimo premio nazionale di drammaturgia, di cui è ideatore e direttore.

Ha ricevuto vari riconoscimenti in concorsi nazionali di poesia e drammaturgia.

Nel gennaio 2016 esordisce come poeta con il libro «Teatro nelle fibre del corpo», Giuliano Ladolfi Editore. Nel 2020 esce il suo secondo libro di poesia «Strategia della sparizione», sempre per Ladolfi.

In veste di critico teatrale scrive per «Sipario», per «Pangea», e per altre testate on line di teatro e letteratura.

Su «Rispirazioni» cura la rubrica CRONICHE BABELICHE.

Riccardo Serventi Longhi

attore, regista, insegnante di yoga

Nel Viaggio teatrale e delle immagini lo hanno condotto maestri come Giorgio Albertazzi, Fabrizio Arcuri, Sista Bramini, Giancarlo Giannini, Mario Monicelli, Lamberto Bava, Sergio Stivaletti, Giancarlo Santi, Claudio Fragasso e Dario Argento.

Diverse le sue regie e i laboratori, come quelli con i detenuti del carcere di Rebibbia.

Come insegnante di Yoga ha approfondito scuole diverse, da Antonio Nuzzo a Renata Angelini e Moiz Palaci, da Piero Vivarelli a Manuela Borri Renosto, a Shivaraja Deva.

Fondamentale l’incontro con l’Ananda Yoga, ispirato agli insegnamenti di Paramhansa Yogananda e del suo discepolo diretto Swami Kriyananda.

All’Accademia di Ananda Yoga Europa si è diplomato insegnante sotto la guida di Jayadev Jaerschky. Su «Rispirazioni» cura la rubrica CY-CRONACHE DALLO YOGA.

I COLLABORATORI

 Carlo Palumbo

giornalista

Giornalista dall’età di 19 anni, ha esordito scrivendo per il settimanale «Gente», allora diretto da Edilio Rusconi. È stato direttore de «La Notte», caporedattore del «Corriere d’Informazione», condirettore del mensile

«Myster» di Condé Nast, caporedattore di «Oggi», «Annabella», «Settimana TV». È stato direttore di «Eva Express» e di «Sogno», vicedirettore di «Novella 2000». Ha diretto il telegiornale del «Corriere d’Informazione». Ha creato i mensili «Alta Società» e «Rosa Zapping»; ha resuscitato il mitico settimanale umoristico «Marc’Aurelio».

Si è trasferito per un anno in Argentina dove è stato vicedirettore del «Corriere degli Italiani» di Buenos Aires e responsabile dei servizi speciali di «Siete Dias». È stato collaboratore dall’Italia del settimanale brasiliano

«Veja»; ha diretto «Notizie Medio Oriente» e «Red-Resistenza Democratica». Ha collaborato a «Vanity Fair»,

«L’Europeo», «Salve», «Club 3», «Vip», «Detective», «Visto».

Si è trasferito da Milano a Roma dove è stato caporedattore del quotidiano «Il Tempo».

Appassionato di personaggi discussi, di “pecore nere”, ha scritto le biografie di Evita Peron, Nerone, il marchese De Sade, Pietro Badoglio; ha realizzato le biografie a fascicoli «Mussolini: io vi parlo di me» e

«Berlusconi tale e quale» a quattro mani con Benedetto Mosca. Ha pubblicato un racconto nell’antologia di fantascienza «Gamma 72» e in «50 giornalisti raccontano Bergamo Alta».

Su «Rispirazioni» cura la rubrica L’INSOLITA STORIA.

Amalia Cornale

insegnante di yoga

Si è diplomata insegnante con la Federazione Mediterranea Yoga di Wanda Vanni e Antonio Nuzzo e ha aperto lo Studio Factory nella sua città, Ragusa.

Ha molti interessi, dalla fantascienza alla letteratura giapponese e americana, dal tiro a segno a Bach e Mozart, dai film sui sommergibili alla cucina, ma nelle serie tv non la batte nessuno.

Per «Rispirazioni» cura la rubrica FUORISERIE – DIALOGHI TRA FICTION (TV) E REALTÀ.

Edoardo Rosati

giornalista scientifico

Scrive di Salute da 35 anni. Una laurea in Medicina dedicata apposta alla comunicazione e al giornalismo medico-scientifici. Poi l’ingresso nella redazione del «Corriere Medico». Insieme ad un gruppo di giornalisti ha creato nel 1989 il «Corriere Salute», l’inserto di medicina del «Corriere della Sera». In seguito l’impegno per altre testate: «Salve», «Ok Salute e Benessere», «Oggi» e «Gente».

E’ autore di diversi saggi divulgativi per Sperling & Kupfer, Rizzoli, Fabbri Editori, Sonzogno, Mondadori, Solferino Editore, Mind Edizioni.

Appassionato di fumetti, ha curato le graphic novel di medicina narrativa «La vita inattesa» e «Loop – Indietro non si torna», per Rizzoli Lizard.

Ha coniugato la passione per la musica e l’interesse per la medicina in alcuni progetti speciali: ha composto per la Fondazione Umberto Veronesi la canzone «E poi – Ce la puoi fare», dove suona la chitarra con l’amico giornalista Mario Raffaele Conti, colonna sonora della campagna Pink Is Good; collabora a iniziative mediatiche e artistiche dei ragazzi del Progetto Giovani dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

E’ autore e ideatore del blog www.medicmoments.it. Su «Rispirazioni» cura la rubrica PUNTOZERO.

Tiziano Valentinuzzi

insegnante di yoga e autore

Con laurea e dottorato in Astronomia, è digital strategy expert di fama, insegnante di Vastu (lo yoga dell’abitare) e di meditazione, traduttore di libri spirituali e protagonista di un podcast molto popolare su Facebook e YouTube: «Lettura della Bhagavad-Gita».

Da oltre 25 anni pratica la via del Bhakti Yoga, lo Yoga della Devozione, sotto la guida del maestro spirituale Radhanath Swami, autore del best seller «Ritorno a Casa».

Su «Rispirazioni» cura la rubrica MY SWEET KRISHNA.

Andrea Mati

architetto paesaggista, docente di Orticultura terapeutica, musicista

Laureato in Architettura presso l’Università degli Studi di Firenze, si forma sul campo come paesaggista, rilevando l’azienda vivaistica di famiglia in attività dal 1909.

All’età di 26 anni inizia la sua avventura lavorativa a San Patrignano, progettando e curando tutto il verde insieme con i ragazzi della comunità. Il legame stretto con San Patrignano diventa talmente forte che dura ancora oggi. La stessa cosa accade con la Comunità Incontro di Amelia Terni.

Nel 1999 Andrea Mati fonda la Cooperativa sociale Giardineria Italiana che, ad oggi, annovera più di sessanta soci e dipendenti nel settore della progettazione, realizzazione e manutenzione del verde pubblico e privato e tre sedi in Italia. E’ tra i fondatori della cooperativa sociale Puccini Conversini che si occupa della cura e del reinserimento nel mondo del lavoro di soggetti fragili grazie ad attività svolte a contatto con il verde.

Tramite le sue esperienze di aiuto rivolto ai più fragili, Andrea Mati diventa il massimo esperto italiano di giardini terapeutici, collaborando costantemente con medici e specialisti nel settore scientifico. Di recente è stato nominato docente al primo master italiano in Orticultura terapeutica organizzato dall’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna.

Il suo primo libro si intitola «Salvarsi con il verde», da cui il titolo della rubrica che cura su «Rispirazioni».

Amina Vagante

professoressa di Lingue e Letteratura straniere e naturopata

Laureata in lingue e letterature straniere con il massimo dei voti e la lode e una tesi con dignità di stampa, insegna nella scuola secondaria di secondo grado.

Negli anni ha intrecciato alla passione per l’insegnamento anche quella per lo studio dello spettro olistico della salute dell’uomo completando la formazione in naturopatia. In particolare grazie agli insegnamenti del Prof. Luciano Pecchiai nell’ambito dell’Eubiotica e allo studio di Ildegarda di Bingen.

Con lo pseudonimo Amina Vagante su «Rispirazioni» cura la rubrica BOOK&SOUL.