“Lettere a Sofia” di Giovanna Fracassi

0
210
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

“Lettere a Sofia” di Giovanna Fracassi, edito da Tomarchio editore, è un libro composito nel quale sono presenti ragionamenti sotto forma di epistola, racconto breve e poesia attorno ai grandi temi dell’essere umano: la vita e la sua antagonista, la morte; il concetto del bene; il bisogno degli affetti; la curiosità insita nel viaggio; l’indole della solitudine; l’astrazione del tempo; la ricerca dell’amicizia; l’amore verso le forme di vita differenti; l’ascesa; il duplice benessere dell’insegnare e dell’imparare.
Le tematiche della grande tradizione filosofica ripensate e scritte con il sentire femminile.

Uno dei concetti maggiormente presenti è senz’altro quello dell’amicizia. L’autrice racconta di come in ognuno di noi la gemma dell’amicizia sia intrinseca e aspetta solo di essere coltivata. Per l’autrice una buona amicizia merita una lotta continua, affinché questo bene non si estingua perso nelle vicissitudini della vita. Essa assume le sembianze di un faro, di una mano che accompagna nel buio verso la salvezza, ma tuttavia tale fiamma può essere spenta.

Un altro concetto essenziale, che ben si collega al libro stesso, è quello di scrivere per sentirsi vivi. Sono molte le domande che l’autrice si pone: il perché si avverte l’esigenza di scrivere, da dove nasce un’idea e come prende vita in mezzo alle vite degli altri, in silenzio o facendo baccano. Il testo racconta di cosa c’è dietro il processo creativo, e di come un semplice gesto, riesca a dare senso a tutto. La scrittura viene descritta dall’autrice in maniera sapiente, fornendo una serie di linee guida capaci di appassionare anche i non esperti del settore.

Il testo utilizza l’espediente letterario dello scambio epistolare, le risposte di “Sofia” non compariranno mai in maniera diretta, tuttavia nelle risposte della protagonista sarà ben facile comprendere le sue risposte celate, le sue domande, le sue eventuali riflessioni. Le lettere son ben scritte, fitte di dettagli e spunti di riflessione, in uno scambio emozionante di desideri, di ricordi, di immagini evocative. Sono molti i lassi temporali che si avvicendano. Il testo racconta infatti prima dell’estate: della calura, dei cieli chiari, degli animali che giocano festosi in giardino, per poi passare alla neve, agli ambienti freddi, alle luci del natale, ai profumi delle leccornie stagionali. Il passaggio temporale regala una visione unitaria di un tempo che scorre e porta nuovi spunti di riflessione. Un contrasto cromatico che riempie gli occhi del lettore, trasportandolo in ambienti colorati ed interessanti, esponendolo prima al caldo e poi al freddo.

“Lettere a Sofia” oltre ad essere un testo epistolare, racchiude una serie di riflessioni filosofiche, capace di spronare all’interrogativo il lettore più ostico. Non mancheranno riflessioni sul femminismo, e sul concetto di solitudine.

Un testo che accompagna certamente il lettore per mano fino alla fine, in un libro a voce unica che non risulta mai noioso o piatto, adatto a chiunque voglia farsi delle domande su se stesso e il mondo che lo circonda.

 

 

Editore: Tomarchio

Genere: Epistolare/filosofico

Numero di pagine: 220

Anno di pubblicazione: 2022