E che so’ stato io? ꟾdi Franca Spagnolo

0
601
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

La Sòra Franca è tornata per allietarvi con i suoi intervalli. Prendetevi una pausa caffé e… fateve ‘na risata!

Roma è ‘na città multietnica, tra i vicoli e le pietre che parlano d’Arte ce vive ‘n sacco de gente e pure de animali: c’avemo i cinghiali che se so’ ben adattati in varie zone, i gabbiani che a forza de magnà quarsiasi cosa dai cassonetti so’ diventati grossi come Aquile reali e ‘n sia mai quanno vai a buttà er sacchetto della monnezza e uno lo trovi appollaiato sul coperchio, te permetti de guaradallo…lui te fissa co l’occhi da malavitoso, er becco perennemente insanguinato e te dice: «Che stai a buttà? Famme vede’ si c’è quarcosa che me ‘nteressa!». Tu che vòi fa la differenziata, vieni colta da n’ improvviso brivido alla schiena e te lo vedi già col becco sulla testa a strappatte ciuffi de capelli mentre provi a infila’ er sacchetto ner cassonetto. Con molta calma alzi er braccio pe’ infilà la busta nel bidone ma er gabbiano te zzompa addosso: «Ahó lascia ‘a busta qua che ce penso io a differenzià!».

«Ahó lascia ‘a busta qua che ce penso io a differenzià!».

Eh si perché a Roma ‘a differenziata è differente e diversa a seconda de chi la fa. La po’ fa’ er cittadino civile, oppure er gabbiano affamato, o l’incivile che co’ le mano nude se mette a differenzia’ i sacchetti dentro i cassonetti e li butta per tera, e quanno tra la monnezza nun trova niente che je ‘nteressa lascia tutta la zella (sporcizia) sur marciapiede. Ma tornando alla lite cor gabbiano, dopo che t’ha fatto capi’ chi comanda, tu mezza rintronata dallo scontro je lasci la monnezza e te ne vai. Col senso de terore pe’ l’alopecia scampata t’allontani senza manco giratte e vai a pia’ la macchina parcheggiata a tre km de distanza da casa tua, perché vivi nella Capitale d’Italia, che volevi pure er parcheggio sotto casa?

Mentre cammini sui marciapiedi perennemente dissestati non perché er Comune ha voluto sparambia’ (risparmiare) su ‘a manodopera, no, le strade de Roma so’ trafficate, gente che viene e va, un continuo viavai de turisti, pe’ quello il rifacimento dell’asfalto e del mattonato dura poco…famo a credece (facciamo finta di crederci), vedi ‘a signora anziana che sta davanti a te finì per tera . Le buche de Roma so’ famose, armeno ‘na vòrta nella vita de ‘n romano se va al C.T.O. pe’ corpa de ‘na buca. Subito accorre ‘n casino (folla) de gente: «Signo’ s’è fatta male?»«Nu’ la toccate che se c’ha quarcosa de rotto fate peggio»«Ho capito e che ‘a lasciamo per tera co’ ‘sto freddo?»«C’ha ragione er signore, se po’ esse’ rotta er femore…signora sente dolore da quarche parte?». La signora co’ ‘no scatto felino s’arza da per tera e dice: «Prima la corpa era de la Sindaca, mo de chi è? Tacci loro (tipica parolaccia abbreviata) e de ‘sti magnaccioni, si potessero spende a medicine i sòrdi che se fregano». La folla dopo l’esclamazione colorita della signora romana DOC che ‘n se spezza e ‘n se piega davanti a niente e nissuno – manco davanti le buche –  inizia a diradarsi come la nebbia al vento.

La matina semo tutti storditi, e si te metti a discute de quello che ‘n va co’ la gente che s’arza alle 6 de matina e er primo caffè  nun l’ha manco (neppure) digerito – tipo te che hai dovuto cede la monnezza ar gabbiano aquila – capace (possibile) che pe’ divergenze d’opinioni e de politica, partono i vaffa e te se rimpone (torna su) quo (quello) spirajo de luce che te conservi dentro pe’ passa’ la giornata serenamente.

«Buona giornata signora!»«Grazie signo’, me scusi eh… che m’ha sentito di’ le parollacce ma l’ha visto quo (quello) zozzone cor giacchetto rosso?»«No ‘n c’ho fatto caso»«Quello che me voleva tirà su è er vicino de casa mia, ‘n paga er condominio da sette mesi che je piàsse ‘n corpo a lui e l’amministratore, bbono pure quello, n’artro zozzone ladro!». Capisci che la signora vorebbe ‘ntavola’ ‘n discorso che finirebbe er giorno der mai e er mese der poi, perché lei è capace de dilogà de tutto e spazia’ dalla politica italiana a quella estera, pe’ passà  a l’elenco delle partite che ha vinto a Roma cor Pupone nostro (Totti per chi non lo sapesse) e continuà all’infinito riccontandote ‘a vita der quartiere dall’anni ‘40 a oggi. Allora con molta delicatezza ti congedi dicendo che te dispiace nun potette ferma’ a chiacchiera’ ma vai de fretta, saluti ‘a signora e te ‘ncammini verso la tua automobile.

Arivi davanti ‘a machina che avevi portato a pulì er giorno prima, la trovi completamente coperta de feci de piccioni – perché a Roma ‘n ce famo mancà niente, i piccioni poi nun mancano, anzi abbondano – uno sta ancora sur cofano che te guarda co’ l’aria de sfida e te dice: «Ahó ma che te guardi e che so’ stato io?». Te metti le mano nei capelli che ti voresti strappa’ ma poi co’molta molta molta serenità d’animo soridi, apri la portiera pensando che la cacca porta fortuna. Metti in moto, parti e inizi la giornata in grazia der Signore.

«Ahó ma che te guardi e che so’ stato io?».

L’intervallo è finito, mo potete ‘nna’ do’ ve pare.

‘nnamo ste’

Sòra Franca

https://www.facebook.com/franca.spagnolo.9

https://pavedizioni.it/prodotto/mi-vengo-incontro

https://www.mondadoristore.it/Mi-vengo-incontro-Franca-Spagnolo/eai979125973285/

Franca Spagnolo