Natalia Simonova e il ricordo delle più grandi donne

0
403
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Natalia Simonova nasce in Russia e vive lì fino all’età di sedici anni. Da piccola esordisce nel mondo della danza classica e si rende conto di come ballare le abbia fatto scoprire la sua passione per l’interpretazione: creava una vera e propria connessione con i personaggi. Appena adolescente si trasferisce in Georgia dove inizia gli studi nell’Accademia dell’Arte drammatica e circense. Dà libero sfogo alla sua creatività, appassionandosi al canto, ballo, recitazione per poi fare ingresso nel mondo della televisione assumendo il ruolo della showgirl nella trasmissione “Fortuna”. Tuttavia, Roma è sempre stata la città dei suoi sogni come scriveva nel suo diario all’età di soli dieci anni, perciò, decide di trasferirsi nella città eterna e studiare presso l’Accademia Koefia. Muove i primi passi anche nella televisione italiana accanto a personaggi noti come Massimo Giletti e Katia Noventa mentre giorno dopo giorno cerca di imparare sempre meglio la lingua italiana. Seguirà infatti diversi corsi di dizione e approfondirà lo studio del canto.

Il suo punto di forza

Natalia è una trasformista e ama indossare i panni delle grandi donne che hanno segnato la storia dello spettacolo internazionale. Interpreta così dive come Judy Garland, Marlene Dietrich con l’obiettivo di riportarle in vita e ricordare al pubblico questi meravigliosi talenti. Il successo di Natalia risiede nell’immedesimazione: cerca di provare le stesse identiche emozioni che sente il personaggio che interpreta; come se lei stessa diventasse il personaggio. Solo in questo modo gli spettatori hanno la sensazione di stare partecipando a un qualcosa di reale. Natalia cerca di assorbire gli stati d’animo delle grandi dive per poi prenderne le loro somiglianze e trasmettere i loro messaggi. Capisce fino in fondo il modo di vedere le cose del suo personaggio, condividendone la sua scala di valori.

Un ricordo personale

Anna Wiktoria German-Tucholska è stata una cantante polacca di origini tedesche. Conosciuta principalmente come interprete poliglotta di canzoni, in primo luogo in russo e polacco. L’attrice è sempre stata affascinata da questa donna. Ricorda infatti come all’età di quattro anni, quando era ricoverata in ospedale per problemi di salute, ascoltava le sue canzoni quasi come se fossero una terapia, si sentiva abbracciata da quelle dolci melodie. Ha instaurato una sorta di connessione con la cantante, un dialogo, un forte legame d’amore che ha caratterizzato la sua infanzia. Questo ricordo d’infanzia ha permesso all’attrice di immedesimarsi più facilmente nella cantante polacca rendendo ancor più efficace l’interpretazione.

Natalia Simonova vuole lasciare un segno al pubblico trasmettendo i messaggi di grandi donne a cui, purtroppo, molte volte è stata negata la possibilità di esprimersi.

Fotografia di Marco De Gregori