“Un assaggio di Napoli”: la giornalista Antonella Fabbricatore  presenta il suo libro | Di Giuseppe Storti

0
364
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Antonella Fabbricatore, giornalista dell’area a Nord di Napoli, direttrice di Terra Mia una seguitissima testata giornalistica particolarmente diffusa a Giugliano e nei comuni limitrofi, si cimenta nel ruolo di scrittrice con un testo davvero particolare; dedicato alla storia della città di Napoli, narrata dal punto di vista culinario. Un’idea davvero brillante ed originale quella di narrare la storia del capoluogo campano attraverso la sua cucina che rappresenta una delle “tentazioni” di chi ama Napoli, che oltre alle bellezze naturali, ed alla sua millenaria storia, è ricca di inimitabili leccornie apprezzate ed amate in ogni parte del mondo. D’altronde Antonella, è davvero un vulcano sempre attivo di iniziative culturali: una vera mecenate; animatrice di poliedriche e multiformi iniziative culturali che attirano l’attenzione di centinaia di persone. Ma diamo la parola direttamente a lei.

Antonella Fabbricatore ti puoi descrivere in poche righe?

“Sono una giornalista , un’operatrice culturale , presidente dell’associazione SIPES che ha sede in Giugliano in Campania.  Mi occupo da anni di diffondere Arte , Informazione e Cultura nel territorio in cui vivo . Sono Direttore Responsabile di un giornale cartaceo e on line , Terra Mia, che accoglie tra i suoi collaboratori scrittori e giornalisti  noti. Con l’associazione SIPES abbiamo ideato e realizzato moltissimi eventi inediti e originali , tra cui: Salotto sociale, Campionato di Poesia, Un libro cerca casa, Viaggi nel Tempo, In Principio fu il lavoro, Duelli letterari , Cene con Delitto e spettacoli teatrali e musicali  Da un po’ faccio parte anche delle 3C , Coordinamento Comunicatori Cultura ideato dalla presidente del Premio Elsa Morante,  Tiuna Notarbartolo e della rete associata al Premio Napoli per la diffusione della lettura.”

Da cosa nasce il titolo e la trama del tuo libro?

“Grazie alla mia partecipazione nella rete delle 3C sono stata coinvolta insieme ad altri giornalisti alla stesura di un piccolo libro per la nuova collana della Giannini Editore. ” Un assaggio di Napoli ” è il titolo del mio sorso ed è la storia della città partenopea attraverso la sua cucina . Una dedica a questa città unica al mondo , capace di accogliere migrazioni gastronomiche e renderle speciali ed uniche.”

Quali emozioni ti ha dato la scrittura di un libro?

“Mi sono molto divertita a scrivere questo piccolo libro che è stato scritto quasi di getto , ripercorrendo la storia di alcune ricette tradizionali della cucina napoletana.”

Sei giornalista e direttrice di una testata giornalistica. Ti ha aiutato in questa nuova vesta di scrittrice?

“Io scrivo molto . Scrivo per il giornale che dirigo , per il teatro e negli anni ho scritto oltre ai copioni teatrali anche alcune bozze di libro , ma non ho mai pensato di pubblicare . La Giannini Editore insieme a Tiuna Notarbartolo mi hanno dato questa opportunità che io ho colto con gioia ed orgoglio .”

Cosa proponi per incentivare la lettura di libri da parte dei giovani?

“Oggi il mondo dei libri è cambiato . Difficilmente si va nelle librerie ad acquistare un libro e tante stanno chiudendo . Si compra sulle piattaforme online .

Ma c’è crisi di lettori , specie nei giovani consumati dalla smania del mordi&fuggi .

Nessuno sembra avere più tempo da dedicare alla lettura se non nei brevi post e link sui social .

Perché ritorni l’interesse per i libri , sono essi che devono andare dal lettore , in qualunque modo , con ogni tipo di iniziativa che consenta questo . Noi di Sipes ad es. portiamo libri casa per casa come fossero perle di un Rosario da recitare insieme .

Le donne che scrivono sono tutte dotate di una sensibilità in più perché vivono l’esigenza di recuperare il lungo tempo di estromissione dalla cultura.”

La tua scrittrice preferita?

“Tra le scrittrici che amo di più di certo ci sono Elsa Morante e Dacia Maraini, due donne simbolo dell’abbattimento di tanti cliché e convenzioni sociali.”

Pensi di continuare a scrivere libri?

“Un prossimo libro ? Beh ovvio che con ” Un assaggio di Napoli ” io ci abbia provato gusto …Vedremo.”

Di sicuro ci hanno provato gusto i lettori del testo, scritto in maniera agile ed accattivante, tanto da suscitare interesse fin dalla presentazione ufficiale avvenuta nel corso delle kermesse tenutasi a Napoli, nello splendido scenario di Palazzo Reale, di Campania Libri festival edizione 2023. Restiamo quindi in attesa di un altro sorso, scritto da Antonella, che ci faccia assaggiare altre particolarità della grande storia della città partenopea.

Il libro:

Antonella Fabbricatore, “Un assaggio di Napoli. La storia partenopea attraverso la sua cucina”, Giannini ed., 2023

https://amzn.eu/d/5nuBii3

Antonella Fabbricatore_Un assaggio di Napoli
Previous articleAMARE UN PARTNER  STALKER E BORDERLINE.  Intervista alla Dott.ssa Viviana Morelli – Psicoterapeuta ad approccio integrato – Ipnositerapeuta Eriksoniana
Next articleIl libro: “Trame Tradite” di Bia Cusumano | INTERVISTA E PRESENTAZIONE
Giurista di professione, giornalista per passione. Per oltre 30 anni ha lavorato in ruoli direttivi e dirigenziali in varie Pubbliche Amministrazioni della Campania. Iscritto all’Albo dei giornalisti, elenco pubblicisti della Campania dal 1982. Pratica con il “Mattino di Napoli”, per il quale è stato collaboratore per decenni. Direttore del settimanale “Casoria due” per otto anni, nonché di tanti altri periodici locali e regionali. Vasta e qualificata esperienza in materia di comunicazione istituzionale. Fondatore del “Giornale di Casoria” nel 2010. Appassionato e cultore di storia locale. Cura diverse pagine social dedicate alla storia della sua città natale: Casoria ed un blog (giusto1960.wixsite.com/website). Nel mese di febbraio 2021 ha pubblicato per Guida Editore il libro “IL TEMPO FERMO”.Nel mese di giugno 2022 ha partecipato al premio letterario “ Emozioni 2022” indetto dalla Community TraLeRighe, con il racconto breve: “Sognando Segni”, conseguendo la Menzione d’onore. Nel 2022 ha partecipato alla Quarta Edizione del Concorso nazionale di Poesia “ Dantebus”. Inoltre, di recente, è risultato vincitore del concorso letterario “Raccontami una vita”, indetto dalla Casa Editrice Ufficiale della Biblioteca Biografica d’Italia di Arezzo, nella sua prima edizione storica con la biografia del proprio genitore, conseguendo altresì la qualifica di Biografo ufficiale della Biblioteca Biografica d’Italia, che si propone lo scopo di salvaguardare la memoria collettiva dell’Italia e degli italiani ovunque nel mondo. Ama la lettura: “Chi è analfabeta a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni. C’era quando Abele uccise Caino, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito…. perché la lettura è un’immortalità all’indietro.” Umberto Eco.