Il singolo della Banda Leon “J’ai peur” | di Meri Lolini

0
409
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Il singolo della Banda Leon dal titolo “ J’ai peur“ che è uscito il 24 novembre.
J’ai peur è una canzone d’amore ma di un amore titubante, incerto, non completamente
espresso, lì dove una donna si prende il suo tempo per riflettere sulla reale entità dei suoi
sentimenti, mentre il suo innamorato precipita in questa attesa amara e dolce.
Qui il gioco delle parti non prevede ruoli assegnati, tutto è labile e fluido come acqua o sabbia ed è questo il nucleo centrale, dove girano poi le parole ritmate di Philippe Leon.
Ed è forse la fase embrionale di un amore da cui nascono le emozioni più intense, come anche dalla sua stessa fine.
Il gusto dance ’90 lo rende poi gradevolmente sbarazzino. Un esperimento che mette insieme la scrittura romantica in lingua francese e il sound elettronico senza troppi fronzoli. E’ di facile ascolto e mette l’ascoltatore nella condizione di battere il tempo con il piede e muovere la testa sul beat di questa canzone.

“ Banda Leon “ è composta da vari artisti provenienti da varie discipline e da vari stili. Abbiamo considerato questo progetto una fucina di idee, che prendono forma in pittura, scultura, musica, fotografia, eccetera…
Questa è la dichiarazione d’intenti dei tre soci fondatori, che sono Philippe Leon, Linda Edelhoff e Fabio Colasante.
Il guru di “Banda Leon”  è certamente il già noto Philippe Leon, che ha nel suo curriculum, in qualità di autore e compositore, nomi eccellenti che hanno fatto la storia della musica italiana, come  Adriano Celentano, Mina, Loredana Bertè e tantissimi altri. In questo progetto lo conosceremo anche come pittore con elaborati pittorici dal gusto pop e neo pop. Linda Edelhoff, formatasi come scultrice presso l’Accademia di Belle Arti, ha anche notevoli capacità canore, di composizione e scrittura.
Fabio Colasante formatosi presso l’Accademia di Belle Arti, anche lui come scultore, esplora in pittura mondi a tratti onirici e di gusto piacevolmente neo surrealista ed è anche bassista , compositore elettronico ed arrangiatore, del progetto Banda Leon.
La “Banda Leon” non è soltanto una semplice band, ma bensì un progetto aperto, dove è
contemplata qualsiasi collaborazione con artisti, musicisti, registi, eccetera. Attualmente la “Banda Leon“ sta preparando il live in previsione di un tour nazionale ed eventualmente internazionale.

 

Previous articleGiannini Editori, Antonella Fabbricatore presenta “Un assaggio di Napoli” al Dom Santi Bevitori
Next article“Trame tradite” di Bia Cusumano | Recensione di Susanna Valpreda
SHORT-BIO MERI LOLINI Sono nata a Massa Marittima (GR) e vivo dal 1977 a Firenze. Qui arrivai appena diplomata Perito Chimico ed iniziai la mia esperienza di analista chimico prima in laboratorio privato e poi per trent’anni in un laboratorio pubblico. Mi sono occupata del dosaggio dei microinquinanti organici sia in matrici alimentari che ambientali. Successivamente ho conseguito la laurea in Tecnico della Prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Le passioni che mi hanno sempre accompagnata sono la chimica e la lettura. Dal 2019 sono pensionata. Nel 2014 ho iniziato a scrivere libri che ad oggi sono undici ed una commedia. Questi sono i testi pubblicati: Una goccia nel mare dalla casa-famiglia alla famiglia, ed. Harmakis (gennaio 2014); La passione colora la vita - per non smarrirsi nelle strade buie della depressione, ed. Harmakis (gennaio 2015); Non ci sono più le rondini? Una donna, una storia, ed. Aracne (dicembre 2015); Scegliamo consapevolmente - i tanti aspetti del cibo, ed. Aracne (ottobre2016); Sognando la pace, ed. Aracne (marzo 2017); Parliamo di rifiuti Tipologie Classificazione e Trattamenti, ed. Aracne (ottobre 2017); Il mostro vorace, ed. Aracne (gennaio 2018). Ho conseguito anche dei premi letterari: Attestato al Premio letterario “Caffè tra le nuvole”. Finalista al Premio Letterario IX edizione Casa Sanremo Writers. Una vipera in corpo, ed. Aracne (agosto 2019). Alla luce, commedia teatrale, in collaborazione con Giulia Romolini per la trasposizione teatrale del racconto. Terzo Premio al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 19 ottobre 2019. Nel 2020 " L'indimenticabile Quarantena " edito da CTL Libeccio Edizioni Finalista al Premio Letterario Rive Gauche di Firenze 2020 con menzione speciale della giuria con la seguente motivazione:" Miglior testo di informazione giornalistica sulla pandemia". Settembre 2021 il romanzo "LA LAMA" edito da CTL Libeccio Edizioni. Settembre 2022 è stato pubblicato il libro "Ti racconto una storia" sempre con CTL Libeccio Edizioni. Di recente ho redatto alcune recensioni a libri pubblicati da altri scrittori sia italiani che internazionali ed interviste a vari artisti. Giudice al concorso nazionale “GLI ASSI della letteratura contemporanea “ bandito dall’Associazione Culturale di promozione sociale Club dei Cento Torino Meri Lolini https://www.amazon.it/s?k=meri+lolini&__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&ref=nb_sb_noss https://www.facebook.com/meri.lolini