Pillole di Love Coaching: Il manipolatore affettivo: se lo conosci, lo eviti…| di Irene Losito

0
446
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

In un rapporto di coppia ci si dovrebbe sentire sereni e liberi di potersi relazionare al partner con la massima spontaneità. Questo però diviene impossibile se si ha a che fare col manipolatore affettivo…

Solitamente ha un EGO smisurato che accompagna con un’innata tendenza a sentirsi superiore e a voler comandare.

Ecco che in coppia sa sempre quale sia la cosa giusta da fare: organizza, decide, propone ed impone.

Agli inizi può andargli di lusso perché magari il partner non vede nulla di strano in questo suo modo di comportarsi. Ma è nel tempo che il problema viene a galla inequivocabilmente. Allora anche il più paziente dei santi inizia a sentirsi mancare il fiato, stretto come si ritrova, al laccio delle prepotenze del manipolatore affettivo.

Il quale non viene neanche minimamente sfiorato dal dubbio di poter essere in errore. E tira fuori prontamente l’immancabile piano B.

Se agli inizi della relazione era sufficiente che dicesse: “Oggi restiamo a casa”, deve ora modificare l’approccio e sprecare qualche parola in più: “Amore mio, non ci conviene uscire stasera, c’è un vento fortissimo, minaccia anche pioggia, per te lo dico… è meglio che ce ne stiamo a casa, non vorrei ti prendessi uno di quei raffreddori che ti costringono a letto per giorni…”

Ci vorrà poco tempo perché anche la più inesperta delle vittime arrivi a notare i passaggi chiave della comunicazione del manipolatore:

1) Impone una sua scelta

2) La giustifica come l’opzione migliore per il bene del partner (quindi lui quasi quasi la subisce, poverino. Per amore, chiaramente…)

3) Dipinge uno scenario catastrofico come diretta conseguenza del mancato rispetto dell’imposizione

Morale della favola: lo ha fatto per te. Lui si è sacrificato per anteporre alle sue preferenze la scelta migliore per te.

Facendo leva sul copione che lo vede vestire i panni del partner perfetto e premuroso, ottiene che – ancora una volta – si faccia quel che ha deciso lui.

E se qualcuno osa contraddirlo e imporgli una scelta diversa?

Gliela farà pagare, puoi contarci. E’ solo questione di tempo. Subito, se ha un carattere impulsivo ed irruento: uscirà col muso, rimarrà in silenzio per la maggior parte del tempo e si muoverà ad un passo talmente veloce da sembrare di partecipare ad una vera e propria maratona! O si legherà il fatto al dito salvo vendicarsi in un secondo tempo, quando la buona fede del partner non lo porterà a collegare i due episodi.

Una relazione col manipolatore affettivo ha il sapore di un continuo braccio di ferro in cui è vietato distrarsi: lo scontro finale è potenzialmente sempre dietro l’angolo, e può rivelarsi all’ultimo sangue…

Se hai a cuore la tua felicità, evitalo. E salvati.

Irene Losito

TAG: #coaching    #coachingrelazionale   #lovecoaching    #happylove